Guerre di religioneDal Brasile all’Italia, la mobilitazione (con bombe) dei cristiani integralisti contro un Gesù satirico su Netflix

Appelli contro la piattaforma digitale e molotov contro i produttori di La Prima tentazione di Cristo, un film considerato blasfemo. Un caso che coinvolge anche il figlio di Bolsonaro e che si estende fino a noi tramite CitizenGo

Screenshot da YouTube

«Dobbiamo usare tutti i doni che Dio ci ha dato per impedire che queste oscenità si diffondano: la scrittura e qualsiasi altra azione legittima per prevenire il ripetersi e la diffusione di atti blasfemi. Dovremmo chiedere chi sono gli sponsor di determinate mostre o eventi, quali teatri o sale li ospitano; e fare il punto».

Forse il cardinale antibergogliano Raymond Leo Burke non immaginava che le dichiarazioni rilasciate il 18 dicembre a La Nuova Bussola Quotidiana sul film A Primeira Tentação de Cristo potessero risuonare sinistramente meno di una settimana dopo. Già, perché c’è chi una tale domanda se l’è posta e il punto l’ha fatto, ma in maniera criminale, scagliando a Rio de Janeiro bombe molotov contro la sede di Porta dos Fundos. Il collettivo di videomaker, cioè, che ha realizzato il film trasmesso, dal 3 dicembre, su Netflix come speciale natalizio con sottotitoli in francese, inglese, italiano, tedesco e che è sotto attacco in Brasile (e non solo) con l’accusa di blasfemia.

In 46 minuti A Primeira Tentação de Cristo presenta, in chiave comico-parodistica, il ritorno di Gesù (Grégorio Duvivier) a casa in occasione del 30° genetliaco. Ma il figlio di Maria (Evelyn Castro) non è solo perché arriva alla festa di compleanno in compagnia del fidanzato, Orlando (Fábio Porchat), conosciuto durante i 40 giorni nel deserto. Tra colpi di scena e battute leggere, Gesù non vuole esercitare alcun ruolo messianico, vuole vivere liberamente come gay e scopre di essere stato adottato da Giuseppe (Rafael Portugal) in quanto suo padre è Dio. Il quale, interpretato da Antonio Tabet, viene presentato nel personaggio e sotto il nome di zio Vittorio.

Porta dos Fundos, che il 25 novembre ha vinto l’Emmy International 2019 per Se Beber, Não Ceie premiata come miglior commedia, ha risposto all’attentato del 24 dicembre via Twitter: «Andremo avanti, più uniti, più forti, più ispirati e fiduciosi che il Paese sopravviverà a questa tempesta di odio e l’amore prevarrà insieme alla libertà di parola».

Una tempesta d’odio ampiamente alimentata anche dal deputato Eduardo Bolsonaro, terzogenito del presidente del Brasile, e che ha visto in prima linea parlamentari e pastori di gruppi evangelicali. Essi hanno espresso la loro condanna attraverso una petizione lanciata su Change.org da The Gospel Coalition (Tgc), rete di chiese riformate, di cui fanno parte numerose comunità neopentecostali brasiliane. Con oltre 2.300.000 firme è stato chiesto a Netflix di cancellare la comedy in quanto blasfema e offensiva del sentimento cristiano.

Joel Teodoro, pastore collaboratore della Catedral presbiteriana di Rio de Janeiro e componente di Tgc, senza giri di parole ha ordinato ai suoi fedeli: «Dite addio a Netflix».

Come noto, il movimento evangelico neoriformato si è diffuso sempre di più in Brasile, dove è il principale sostenitore del governo Bolsonaro e gode di un potente sistema mediatico che include RecordTv. La seconda rete televisiva brasiliana è di proprietà di Emir Macedo, fondatore della Igreja Universal do Reino de Deus, una delle comunità neo-pentecostali più potenti al mondo con oltre 6.000.000 di fedeli in 127 Paesi.

Ma non sono mancate voci critiche anche da parte dei cristiani fedeli a Roma, in un Paese come il Brasile che ha il maggior numero di fedeli cattolici al mondo (nonostante il vertiginoso calo determinato, negli ultimi anni, da un esodo di massa verso il movimento evangelicale) e il cui stesso presidente Bolsonaro è cattolico. Il giorno prima dell’intervista del cardinale Burke, Henrique Soares da Costa, vescovo di Palmares, ha dichiarato, ad esempio, di aver annullato l’abbonamento a Netflix perché, «certamente istigata dalla forza demoniaca che possiede tanti e tanti cuori e menti in questi tempi di neo-paganesimo», ha deciso di trasmettere «un film blasfemo, volgare e irrispettoso verso il nostro Dio e Signore Gesù Cristo nonché sarcastico della fede di tutti i cristiani».

Concetti, questi, che sono stati ampiamente ripresi dal madrileno Ignacio Arsuaga, fondatore e presidente della Fondazione CitizenGo, associazione ultraconservatrice diffusa in 50 Paesi che nel suo Consiglio d’amministrazione annovera, fra gli altri, Luca Volontè, il putiniano Alexey Komov (longa manus del multimilionario Konstantin Malofeev, noto come l’Oligarca di Dio) e Brian Brown, presidente dell’International Organization for the Family (Iof) e del Congresso mondiale delle Famiglie. Anche CitizenGo (il cui presidente per l’Italia è Filippo Savarese, vicino al senatore Simone Pillon e al milieu gandolfiniano) ha lanciato una petizione per la cancellazione del film da Netflix, che ha raggiunto oltre 1.200.000 adesioni.

Simile iniziativa in Italia da parte di Pro Vita & Famiglia (al momento sono poco più di 27.000 le firme raccolte), i cui presidente e vicepresidente Toni Brandi e Jacopo Coghe – già presidente e vicepresidente del Congresso mondiale delle Famiglie di Verona – hanno parlato della versione sottotitolata de La prima tentazione di Cristo in termini di propaganda anti-cristiana, vilipendio alle religione, blasfemia. Oltre ad aver accusato Netflix di «mettere online tematiche di dubbio gusto», propagandando «posizioni pro aborto».

Balza subito all’occhio come dal Brasile all’Italia le contestazioni contro Porta dos Fundos e Netflix si siano sviluppate nell’alveo di un integralismo cristiano, connotato politicamente a destra. Una destra, per lo più, nazionalista, sovranista e fascista.

Non a caso l’attentato di Rio de Janeiro è stato rivendicato, attraverso un video, dal non meglio precisato Comando de Insurgência Popular Nacionalista, che farebbe parte della Família Integralista Brasileira. Nel video tre persone con viso coperto da passamontagna e col simbolo nazionalista (la lettera greca Σ) di Ação Integralista Brasileira (Aib) al braccio – campeggiante anche sulla bandiera alle spalle – hanno detto che il gruppo è «la spada di Dio» e che «il Brasile è cristiano e non cesserà mai di esserlo».

Hanno inoltre motivato l’attacco come risposta «alle aspirazioni dell’intero popolo brasiliano contro l’atteggiamento blasfemo, borghese e antipatriottico dei militanti marxisti di Porta dos Fundos, il cui speciale natalizio è stato prodotto dalla società plurimilionaria società Netflix».

Per quanto la Frente Integralista Brasileira (Fib), erede diretta dell’estinto partito clerico-fascista di Ação Integralista Brasileira, abbia detto di non avere alcuna connessione con gli attentatori, è innegabile che il Comando abbia utilizzato simboli e armamentario lessicale propri dell’integralismo brasiliano e di quelle che un tempo furono le camicie verdi di Plínio Salgado.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta