Nessuno è invincibileDa Bruxelles a Bologna, battendo Salvini. Ecco come Elly Schlein vuol far rinascere la sinistra italiana

È stata la candidata più votata nelle regionali con oltre 20.000 preferenze, in appoggio a Bonaccini. Per lei la politica significa andare nei territori. E non per farsi i selfie, ma col taccuino in mano

«Salvini non è invincibile», dice la candidata più votata in Emilia Romagna: Elly Schlein, ex europarlamentare, con oltre 20 mila voti personali in una lista (Emilia Romagna coraggiosa) in appoggio a Bonaccini.

Elly Schlein, come spiega il record di preferenze?
Nei tre collegi dove ero candidata e in particolare a Bologna, città che mi ha adottato da quindici anni, il risultato è stato sorprendente. Non mi aspettavo certamente di arrivare prima, visto il confronto con gli altri partiti: è stato semplicemente incredibile. Da un lato ci sono i cinque anni a Bruxelles durante i quali non ho mai tagliato i collegamenti con Bologna ma, al contrario, ho sempre cercato di tenere saldo il rapporto con i territori con la mia presenza a iniziative e conferenze dove illustravo il lavoro svolto in Europa e le battaglie portate avanti. Ma deve aver contato anche l’intensità della campagna elettorale, ho fatto cinque o sei iniziative al giorno, ho girato tre le volte le province della regione. In altre parole, mi sono mossa molto di più e molto meglio di Salvini.

Il che è tutto dire…
Salvini arriva, fa il comizio, un paio di selfie e va via, mentre noi arriviamo armati di taccuino, pronti per ascoltare le criticità, i problemi concreti delle persone, i bisogni più impellenti. È un modo completamente diverso di fare politica, che oggi è stato premiato.

Matteo Salvini e Lucia Borgonzoni però hanno conquistato non pochi voti, cosa che non può essere ignorata.
Quel voto è stato sicuramente un voto trainato da alcune criticità che Salvini ha cavalcato con abilità senza però offrire soluzioni concrete. Il tema dell’immigrazione, quello della sicurezza, perché come in Europa e in Italia anche in Emilia c’è una domanda di sicurezza, anche di sicurezza sociale, il tema delle disuguaglianze e il tema del lavoro. Nonostante i dati positivi, in alcuni territori, il lavoro – anche se le percentuali parlano di una diminuzione della disoccupazione – è diventato più precario, meno redditizio, una fonte di disagio. A questo si aggiunge la voglia di un cambio di governo indirizzato verso l’altra offerta. Detto questo, con questa coalizione, abbiamo dimostrato che Salvini non è invincibile.

Può essere il vostro il nuovo sentiero tanto cercato dal Pd e dalla sinistra italiana?
Con una solida coalizione, un lavoro di squadra e candidature credibili si può fermare anche Salvini. L’Emilia Romagna non si è adagiata sulla propria tradizione elettorale, sono tornati il 30 per cento di persone in più a votare per fare una scelta di campo. La visione del leader leghista, per cui dividere le comunità crea consensi, in questa regione non funziona e non piace: non ha capito chi aveva di fronte. La Lega va bene, e ha riscosso i consensi maggiori anche in Emilia Romagna, in quei luoghi dove i cittadini hanno l’impressione di non contare più nulla; con la nostra lista e un simbolo completamento sconosciuto e costruito in brevissimo tempo, abbiamo dimostrato all’Emilia Romagna e alla sinistra che c’è un modo per ripartire che passa dal lasciare da parte le logiche identitarie, dal modo di fare le scelte solo per conservare un ceto politico e da candidature giovani e preparate in grado di fornire risposte strutturate.

Un punto di partenza potrebbero essere le sardine?
Le sardine hanno contribuito in maniera essenziale a cambiare il clima, risvegliando una voglia di mobilitazione, che c’è nella società ma che fatica a trovare un chiaro riferimento politico. Facendo così emergere una maggioranza, magari più silenziosa, che vuole rispecchiarsi nei principi fondamentali della Costituzione. Antifascismo, antirazzismo e solidarietà: il messaggio delle sardine può essere una chiave di ripartenza anche per riappassionare tutti quei cittadini che hanno abbandonato l’impegno civico o si sono riconosciuti nel Movimento 5 stelle. Questo è stato quello che abbiamo fatto anche noi con la nostra coalizione, grazie al senso di comunità fatto emergere dalle sardine, provando in primis a riallacciare, proprio con quelle piazze, i fili per un dialogo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta