George Pell è un capro espiatorio, ma a pretenderlo è la Chiesa stessa non altri

Chi ha messo il cardinale alla sbarra non è il lobbismo gay cui alludono alcuni, ma proprio il gregge bisognoso di un ripristino di purità compromessa dagli scandali a sfondo sessuale nella chiesa