Home versionIl video di Tikibombom: intimista, profondo, registrato “nell’armadio”

La versione fatta in casa della hit sanremese di Levante. Sussurrata al pianoforte, con i suoni che accompagnano il bianco e nero dei giochi di luce della finestra, è il ritratto dell’artista nella sua interiorità

Cosa ci ha lasciato questa quarantena? Prima di tutto, un nuovo video di Tikibombom, hit sanremese della cantante Levante. Una “home version”, intima, realizzata in casa, personalissima. In tutti i sensi, dal momento che è stato ideato, girato, montato da Levante stessa.

A casa sua – confinata come tutti, del resto – e per l’esattezza nel suo armadio: «Ho dovuto approfittare dei mezzi che avevo e l’armadio era l’unico luogo i cui avrei potuto attutire suoni e rumori esterni».

Il risultato è una versione «più raccolta», che del resto era stata tentata di realizzare fin dall’inizio, prima ancora di portare il brano a Sanremo.

Il desiderio è rimasto «nel cassetto» ma è tornato nei momenti bloccati del lockdown. Ecco allora un video in bianco e nero, scene di interni, pose pensose, pavimento, muri e finestre. La forma è distesa e sussurrata.

Tutto fatto da remoto, con la collaborazione a distanza di Antonio Filippelli e Daniel Bestonzo.

È Levante che rifà Levante. O meglio, Levante che presenta la vera Levante, perché «questo è il modo in cui la canto da sola, a casa e sul pianoforte».

Chi lo avrebbe detto: dalla quarantena si esce piano, senza troppi clamori. Con ritmi lenti da «animale stanco», mentre il mondo, si sa, riprenderà a fare «tikibombom».

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta