Aerei a terraLa Germania ha salvato Lufthansa

Il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz ha annunciato un accordo da 9 miliardi di euro per evitare il fallimento della compagnia. Non sono ancora noti i dettagli del negoziato, ma il governo potrebbe diventare primo azionista. Ora l’intesa va approvata dall’advisory board

Il ministro delle finanze tedesco Olaf Scholz ha annunciato l’accordo con Lufthansa: un piano da 9 miliardi di euro per evitare il fallimento del colosso del trasporto aereo. Un affare che potrebbe rendere lo Stato tedesco il primo azionista della compagnia.

Secondo le prime indiscrezioni pubblicate da Bloomberg, il piano sarebbe composto da 5 miliardi di euro sotto forma di partecipazione statale al capitale, attraverso strumenti di equity.

Da 3 miliardi di euro sotto forma di prestiti erogati dall’equivalente tedesco della Cassa depositi e prestiti (la KfW), la partecipazione diretta nel capitale con una quota del 20% del valore di 330 milioni (ma con valore nominale pari a 2,56 milioni) e la partecipazione del 5% attraverso la sottoscrizione di un bond convertibile per 90 milioni di euro e corrispondente a 32 milioni di azioni.

«Una soluzione molto positiva» l’ha definita il ministro Scholz, che ha sottolineato come Lufthansa sia una «impresa di successo che ha subito problemi a causa delle restrizioni del coronavirus». E il ruolo dello stato sarebbe solo quello di «ponte per attraversare la crisi e andare avanti», ha spiegato Scholz.

L’intesa finale deve ancora essere sottoposta all’approvazione del Fondo per la stabilità economica federale (Kfw) e servirà anche il via libera del direttorio e del consiglio di sorveglianza di Lufthansa, oltre che dell’assemblea straordinaria degli azionisti.

Resta poi da capire la posizione che assumerà la Commissione europea e i competitor come Ryanair (sopratutto sul piano della concorrenza).

Attualmente circa 700 aerei di Lufthansa su un totale di 760 sono fermi a terra. Nel primo trimestre le perdite sono ammontate a 1,2 miliardi di euro e sono destinate a peggiorare nel secondo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020