Beni di consumo Cosa c’è dietro i numeri del codice a barre

Il barcode GS1 stampato sulla confezione di un prodotto non mostra la provenienza del prodotto ma che ha ricevuto i suoi codici in Italia

Credits Tendenze online

Le prime cifre del codice a barre GS1 (EAN) indicano in quale paese del mondo l’azienda proprietaria del marchio ha ottenuto il suo prefisso aziendale GS1, da cui ha generato quel codice a barre per il suo prodotto.

Ad esempio, i codici a barre GS1 che iniziano per: 800, 801, 802, 803… e così via fino a 839…dicono che il brand owner di quel prodotto ha ricevuto i sui codici a barre da GS1 Italy, ma non dicono né che l’azienda è italiana né che il prodotto è italiano.

Ecco come funziona 

Il sistema standard mondiale GS1 ha assegnato a ognuna delle 114 organizzazioni nazionali GS1 – come GS1 Italy in Italia – un determinato intervallo di numeri, all’interno del quale possono assegnare all’impresa che chiede di entrare nel sistema GS1 il suo prefisso aziendale GS1: da questo prefisso l’azienda può quindi ricavare il numero che identifica il prodotto – il GTIN – e il codice a barre completo per i prodotti di cui possiede il marchio e che vuole vendere nei negozi della GDO e online.

Continua a leggere su Tendenze Online

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta