Inchiesta apertaIl Comune di Bergamo si dichiara persona offesa nel procedimento penale sulla gestione dell’epidemia

Lo ha dichiarato il sindaco della città lombarda, Giorgio Gori. In questo modo, se ci sarà un rinvio a giudizio, si potrà costituire parte civile e dare un contributo a indagini e ricerche. «Non è un dito puntato contro qualcuno. Vogliamo garantire il diritto dei cittadini di sapere come si sono svolti i fatti»

da Wikimedia Commons

Il Comune di Bergamo si dichiara persona offesa nell’ambito del procedimento penale pendente a seguito dell’apertura di indagini preliminari per epidemia colposa da parte della procura di Bergamo per accertare eventuali responsabilità.

Lo ha comunicato il sindaco Giorgio Gori, riferendo della delibera ai giornalisti collegati via Zoom. «Una decisione che», ha spiegato, «consideriamo giustificata e necessaria» e che, se si arriverà al rinvio a giudizio, farà sì che il Comune si costituisca parte civile nel procedimento.

«Sono tre i motivi che ci hanno spinto a prendere questa decisione», ha continuato. «Al primo posto l’eccezionale impatto provocato dalla pandemia in Italia e soprattutto a Bergamo», una questione su cui ha elencato qualche dato: «L’Italia è il Paese con più morti in Europa, e il quinto nel mondo. Figura al primo posto per rapporto di decessi e popolazione tra i Paesi del G20».

In questo contesto la situazione di Bergamo è stata la più grave, «visto che il numero di contagiati, che sulla base di un calcolo che abbiamo svolto, è intorno a 25mila. Il numero è stato ottenuto sommando ai 21mila derivanti dai test sierologici promossi a luglio dal Comune a quello delle vittime e ai positivi accertati tra la fine di febbraio e la fine di aprile, insieme alle persone risultate positive ai test sierologici disposti dall’ATS e quelle che sono risultate positive a test sierologici cui sono sottoposte privatamente)».

A questo proposito, «il numero dei decessi ufficiali è fermo alla rilevazione di 16 aprile 2020 e sarebbe di 297, mentre secondo i nostri calcoli sarebbero 677, più del doppio».

Questa cifra è derivata dal conteggio della «sovramortalità», cioè la differenza tra il numero di decessi del periodo considerato e quello medio degli anni precedenti. «L’indice di letalità (il rapporto tra morti e contagiati) è del 2,71%. Risulta inferiore a quello stimato per l’Italia, cioè 3,5%, dato che però parte da una base di contagiati considerata molto inferiore alla cifra reale. In questo senso uno studio dell’Imperial College di Londra classifica il tasso di letalità italiano intorno al 2,23%». In generale, per i Paesi ad alto reddito il tasso di letalità stimato sarebbe dell’,1,15%, mentre per i Paesi più poveri dello 0,3%. Come si vede, la situazione che si è registrata nel Comune di Bergamo è più del triplo di quella media per le aree più ricche.

«La seconda ragione è proprio l’apertura dell’indagine da parte della procura di Bergamo per epidemia colposa, e la terza è la giurisprudenza, che consente al Comune, in rappresentanza dei cittadini, di definirsi parte offesa nel procedimento. In questo modo potrà esercitare i rispettivi diritti e facoltà, cioè presentare memorie, indicare elementi di prova e partecipare alle perizie. Potrà anche, in caso di richiesta di archiviazione, essere informato e (se lo ritiene) presentare richiesta di opposizione».

Il sindaco Gori tiene a precisare che la posizione del Comune, affidata all’avvocato Mauro Angarano (studio Zilioli e Angarano), non «vuole esprimere alcun pre-giudizio. Non c’è nessun dito puntato né alcuna accusa nei confronti di governo, Regione o OMS per i ritardi e le mancanze. Spetta alla Procura individuare gli eventuali imputati, confermando o meno il capo di imputazione, e ai tribunali determinare se vi siano dei responsabili. È una scelta che esercitiamo in nome di un’intera comunità colpita con durezza e che vuole innanzitutto conoscere le ragioni di ciò che è accaduto».

Al momento è una iniziativa del solo Comune di Bergamo, ma Gori, interrogato al proposito, non esclude che a breve anche i comuni di Nembro, con il sindaco Claudio Cancelli, e di Alzano Lombardo, con Camillo Bertocchi, possano seguire la stessa strada.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia