Sul filo L’olio italiano più buono nel ranking mondiale? È sardo

Un’azienda di Alghero è la prima italiana nella classifica dei Top 100 oli al mondo. Un ventesimo posto assoluto con ben cinque prodotti garantisce a San Giuliano l’importante riconoscimento

L’olio San Giuliano piace nel mondo. I 32 premi di qualità conquistati nelle competizioni internazionali durante il 2020 hanno permesso all’azienda di posizionarsi al 20° posto nell’Evoo World Ranking Oil Makers, la classifica annuale delle 100 migliori aziende olearie al mondo, nella quale l’Italia è comunque la prima nazione per qualità generale.

Ma è la San Giuliano a svettare: testa, sede e terreni nel territorio del Nord Ovest della Sardegna, l’azienda piazza infatti ben 5 extravergini nella prestigiosa lista.

I numerosi premi vinti da New York a Zurigo, da Tokyo a Londra, da Bari a Gerusalemme hanno permesso di scalare l’autorevole graduatoria internazionale, che vede in testa un olio spagnolo, con 33 premi internazionali ricevuti.

Strategia, innovazione e investimenti alla base del successo, come spiega l’amministratore delegato Pasquale Manca: «Un percorso di valorizzazione della qualità dei nostri oli meticolosamente pianificato con l’obiettivo di raggiungere l’eccellenza  con investimenti continui in ricerca e sviluppo, come l’introduzione di un frantoio tra i più avanzati mai installati in Italia sviluppato in Toscana da Giorgio Mori; oltre all’implementazione del progetto visionario denominato “Novolivo” che prevede – alla sua conclusione – la messa a dimora di 600 nuovi ettari di oliveto con cultivar autoctone, nazionali ed internazionali che hanno permesso, e permetteranno con sempre maggiore certezza, di individuare i migliori profili organolettici e chimico-fisici per i nostri oli. Un lavoro stimolato e sempre sostenuto da mio padre, Domenico Manca, che non ha mai esitato né dubitato davanti alle numerose difficoltà incontrate».  

Naturalmente anche in campo. Prosegue Manca: «Puntiamo sempre di più sull’agricoltura 4.0, in collaborazione con l’Università di Sassari, attraverso la sperimentazione e l’utilizzo di tecniche di precisione che permettono di minimizzare l’impatto ambientale e utilizzare le risorse disponibili nel modo più efficiente possibile».

Questi i cinque prodotti presenti nella classifica internazionale dei migliori al mondo: San Giuliano Cuor d’Olivo Fruttato; San Giuliano Primér; San Giuliano l’Originale; San Giuliano 100% da Agricoltura Biologica; San Giuliano di Monocultivar Bosana.

Da usare goccia a goccia, per esaltare la mediterraneità di ogni piatto.

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club