Fashion writerCome sarà il memoir di Melania Trump? Diet Prada propone alcune ipotesi

Di fronte all’ipotesi di un libro della quasi ex First Lady, puntuale è arrivata la presa in giro dell’account più considerato del mondo della moda. Sarebbe dissacrante, se i Trump non si fossero dissacrati da soli per anni

AP Photo/Patrick Semansky

Gira voce che l’ex First Lady Melania Trump stia facendo dei colloqui per pubblicare un libro di memorie. Perfino lei. La notizia, che farebbe già ridere così, diventa ancora più divertente se si guarda quello che ne hanno tratto le due diaboliche menti che gestiscono l’account Instagram Diet Prada, definito «il più temuto dalla moda» dalla rivista Business of Fashion.

Lasciando da parte per una volta i vestiti (con i consueti plagi e copie) si sono divertiti a immaginare come sarà, titolo per titolo, l’eventuale memoir di Melania, che in passato hanno più volte bersagliato per le mise poco accorte.

Ed ecco allora nove possibili copertine con titoli più veri della verità e più copiati che mai che fanno il verso : uno è “The Sugar Baby That Could” (che gioca con il libro per bambini “The Little Engine That Could”), edizione Breitbart, o “Sleeping With The Enemy”, con strillo a firma di Stormy Daniels: “She understands the meaning of telling all”.

Ma c’è anche “I Free Now” – dimestichezza con l’inglese e doti fisiche del marito in un titolo solo, o il thriller politico: “Mail Orders Lies” (si rifà a “Mail Order Love”), la biografia onestissima “The Bar Is In Hell. How I Underachieved Despite Zero Expectations”, che, nota, è un “International Be Bestseller” (battuta che non va spiegata).

Ma c’è anche “Building Alimony” (“Alimony” sono una sorta di assegni di mantenimento), al grido di “Get The Life You Want – Yes, Even Birkins!” – il libro sulla vita nel circo, e “Mission Completed. A Slovenian Spy Story” considerato «Il miglior memoir che abbia mai letto, più bello di quello di Michelle» – da Vladimir Putin. Da notare il cognome con cui firma il libro.

Ma per chiudere, il plagio più plagio di tutti: “Becoming”, stesso titolo, stessa posa del memoir di Michelle Obama. Scelto dal Book Club di Vladimir Putin, ed è un bestseller del New York…Post.

(tutte le immagini sono tratte dall’account Instagram Diet Prada)