Proteste e proposteBasta siamo stremati

La parola ai ristoratori, per una manifestazione di protesta totalmente pacifica e rispettosa di leggi e dpcm che ha coinvolto i Ristoratori Milanesi e dei Pubblici Esercizi Milanesi: accogliamo la loro lettera con richieste precise

Foto Claudio Furlan - LaPresse

Basta siamo stremati, senza ulteriori aiuti e riforme strutturali la ristorazione muore: questo il grido d’allarme e di dolore lanciato dagli imprenditori.

Le misure economiche e di sostegno che il Governo, le Regioni e i Comuni che hanno preso fino ad oggi e che riguardano il settore dei ristoranti, bar, pizzerie, pasticcerie, discoteche, pub, gelaterie e locali serali, sono insufficienti per non far fallire migliaia di imprese del settore e che al momento non stanno dando risposte per salvare attività che svolgono un ruolo sociale e promozionale del territorio.  Noi imprenditori siamo stremati   perché nelle ultime settimane abbiamo sentito parlare di ristori che onestamente sono arrivati, ma non sufficienti per pagare le spese fisse e le cartelle di pagamento dei tributi locali, di F24 e bollette della luce e del gas, se questi ristori non arriveranno in tempi rapidi molti di noi imprenditori saranno costretti a chiudere definitivamente, anche perché a molte imprese sono già stati sospesi i servizi essenziali come luce e gas.

Tra poche settimane riprenderanno i pagamenti delle scadenze fiscali e le rate dei mutui che sono stati sospesi nel 2020, quindi si avrà una pressione fiscale altissima, tutto questo non farà altro che indebitare ancor di più le aziende che difficilmente riusciranno a sopravvivere dopo questi 12 mesi drammatici, quindi una situazione insostenibile per molti.

Ecco alcune proposte per poter continuare a fare il nostro mestiere di imprenditori:

Riduzione proporzionata del pagamento della contribuzione del costo del lavoro, tasse, tributi locali ed energia riparametrato alle restrizioni imposte dal distanziamento e dalle chiusure anticipate, così da poter garantire occupazione e non fallire.

Rinnovare il credito di imposta per le locazioni e sollecitare i locatori alla riduzione degli affitti compensando con l’estensione alle attività commerciali della legge n. 176 del 2020 (rimborso del 50% sulla riduzione degli affitti)

Utilizzo dei fondi regionali per il sostegno economico alle micro imprese con bandi semplificati e con burocrazia semplificata.

Rifinanziare i bandi già chiusi per esaurimento dei fondi, ma che hanno escluso molte imprese dai finanziamenti.

Allineamento a 30 anni dei finanziamenti bancari garantiti dallo Stato, allungamento del periodo di preammortamento e snellimento delle pratiche per l’erogazione. Possibilità di includere mutui preesistenti nelle condizioni art. 13 comma 1 dl 23/2020 – Decreto Liquidità Imprese.

Confronto con le amministrazioni locali e con la Regione per rivedere il criterio delle aperture dei pubblici esercizi nei centri urbani (direttiva Bolkestein) e dei regolamenti in materia di occupazione suolo pubblico e tassa dei rifiuti

Istituzione di un Commissario straordinario, competente del settore Ho.re.ca, per gestire tempi e modalità di apertura, erogazione dei ristori e per avviare un processo di riforme strutturali necessarie al settore per la ripartenza e per la sopravvivenza tenendo il più possibile lontano infiltrazioni malavitose.

Lotta a tutto l’abusivismo che nel nostro settore è diventato un male incurabile (circoli privati, sagre, vendita di alcolici, ristohome ecc.).

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia