Maggioranza UrsulaL’appello di Azione e Più Europa per un governo che rappresenti i partiti europeisti

In una nota congiunta, Benedetto Della Vedova e Carlo Calenda confermano la loro contrarietà a sostenere esecutivi che nascono «sotto il segno del trasformismo», assicurando che non voteranno l’ennesimo scostamento di bilancio. La loro alternativa è un esecutivo di forza politiche che in Europa sostengono la Commissione Ue guidato da una personalità autorevole e capace

screenshot Azione

Azione e Più Europa si rendono disponibili a una maggioranza Ursula. Ovvero a un governo rappresentativo «dei partiti che in Europa sostengono la Commissione Von Der Leyen e guidato da una personalità autorevole e capace e formato da una compagine ministeriale di provata esperienza politica e amministrativa». Si legge così sulla nota congiunta di Benedetto Della Vedova e Carlo Calenda appena pubblicata. Azione e Più Europa, continua il testo, «non sono in alcun modo disponibili a sostenere governi che nascono sotto il segno del trasformismo e che hanno già dimostrato di non essere all’altezza nella gestione dell’emergenza Covid, nell’implementazione delle politiche economiche e nel disegno del Next Generation Eu italiano».

Fedeli a questa linea «i rappresentanti parlamentari dei due partiti non voteranno l’ennesimo scostamento di bilancio mal concepito e scarsamente motivato» si legge ancora. L’appello si rivolge poi alle altre forze del Parlamento: «Crediamo necessario che il Partito Democratico e Forza Italia – scrivono Calenda e Della Vedova – si sciolgano dal patto di reciproca ed esclusiva fedeltà con sovranisti e populisti per percorrere questa strada».

In alternativa a questa soluzione, «Azione e Più Europa rimarranno all’opposizione, rafforzando in ogni caso il loro coordinamento politico e la partecipazione ad iniziative comuni. Continueremo a lavorare insieme per costruire una lista liberal democratica in vista delle prossime elezioni politiche includendo movimenti politici, associazioni e personalità che abbiano condiviso i nostri valori e proposte» conclude la nota.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

Linkiesta PaperIl nuovo numero quintuplo de Linkiesta Paper – ordinalo qui

In edicola a Milano e a Roma dal 4 marzo, oppure ordinabile qui, il nuovo super numero de Linkiesta Paper questa volta è composto di cinque dorsi: Linkiesta, Europea, Greenkiesta, Gastronomika e Il lavoro che verrà.

Con un inserto speciale su Alexei Navalny, un graphic novel di Giovanni Nardone, l’anticipazione del nuovo libro di Guia Soncini “L’era della suscettibilità” e la recensione di Luca Bizzarri.

Linkiesta Paper, 32 pagine, è stato disegnato da Giovanni Cavalleri e Francesca Pignataro. Costa dieci euro, più quattro di spedizione.

Le spedizioni partiranno lunedì 1 marzo (e arriverrano entro due giorni, con corriere tracciato).

10 a copia