Chi siamoLo splendido libro di Monocle dedicato all’Italia

Il magazine ha pubblicato un volume di 300 pagine con fotografie, reportage e indicazioni per scoprire con occhi nuovi il nostro Paese. È pensato per gli stranieri, ma riesce a stupire anche noi

Copertina di “The Monocle Book of Italy”, particolare

Per uno sguardo nuovo servono lenti nuove. E quelle di Monocle, puntate sull’Italia fanno questo lavoro alla perfezione.

Il risultato è “The Monocle Book of Italy”, 300 pagine di reportage, fotografie, mappe e consigli che superano cliché – sia italiani che stranieri – mettono da parte stereotipi e idee ricevute per esplorare davvero il Paese, l’Italia e l’italianità.

Siamo visti da fuori (ma anche da dentro, grazie al contributo di Chiara Rimella che qui presenta il volume) nelle cose belle e importanti, in quelle che rendono il Paese speciale. E non è detto che sul punto le convinzioni degli italiani coincidano quelle degli stranieri.

Il volume si apre, anche qui, con una mappa. E già questo fa capire che lo sguardo della guida è diverso. Monocle cerca la bellezza – arte, design, moda – ma ama considerare anche il mondo del business e apprezza i dettagli, le particolarità, le visioni d’insieme che a volte confermano e a volte spiazzano.

La mappa racconta il turismo delle montagne (da solo 11% del Pil), scende a Torino, storica città dell’automobile e poi corre a Milano per il Duomo. Ma subito accanto c’è la Brianza, con la sua tradizione di distretto del mobile (Cassina, Minotti e Flexform).

Nella stessa Italia ci sono le aziende di occhiali di Belluno, l’olio della Liguria, lo stambecco. Ma anche le scarpe marchigiane, il salame umbro e l’orso marsicano, la cui situazione per fortuna sta migliorando. C’è l’archeologia, Roma e Pompei, la pizza di Napoli, i Pumi di Grottaglie, il fico d’India siciliano, la bandiera dei mori sarda, la tradizione dei trulli (smontabili per non pagare le tasse) e il cinghiale sardo. Della Sicilia si ricordano anche le arance, lascito degli arabi, il carretto, l’Etna. L’intenzione è di raccontare un Paese diverso e variegato con un occhio alla tradizione, compresi i classiconi del turismo, e un altro diretto a realtà meno conosciute ma rilevanti.

Troppo facile – dicono – limitare le attrazioni a musei e rovine storiche, anche se soltanto con questi si sarebbe potuto riempire più di un libro. Ma è anche molto difficile fare una selezione. Monocle trova un equilibrio: pagine dedicate a musei contemporanei, come la Fondazione Prada di Milano, insieme agli imperdibili – i must see – per chi ha poco tempo da passare in Italia o da dedicare ai monumenti.

Ci sono anche esplorazioni in aspetti della società che, visti da dentro, non si notano nemmeno: il mondo tradizionale e regolare del packaging degli alimenti, come la bottiglia di Campari, la confezione di pasta, il barattolo di sugo di pomodoro.

Ma anche una guida alle pietanze locali, con descrizione rapida ma accurata e indicazioni regionali necessarie. Tutti gli italiani sanno dove è meglio ordinare la pasta al pesto e la farinata, o i carciofi alla giudia, o le orecchiette alle cime di rapa, ma gli stranieri potrebbero non saperlo. Potrebbero anche stupirsi a notare che il risotto con l’ossobuco, le arancine, i canederli, la piadina e la cacio e pepe sono tutti piatti italiani.

(A stupire noi invece potrebbe essere l’attenzione data a un elemento di solito dato per scontato: le insegne dei negozi, una vera e propria mappa del tempo e dello spazio)

In generale l’indagine di Monocle nell’Italia è interessante anche per gli italiani, che conoscono tutte le regole non scritte della vita da spiaggia, ma potrebbero restare affascinati dall’attenzione ai dischi di una volta, da Celentano a Malgioglio, o dal ritratto di cinecittà o dalle riflessioni sul mondo dei media, dei giornali e delle riviste.

L’appuntamento all’edicola (purtroppo in via d’estinzione) è una delle caratteristiche che rende speciale l’Italia, anche perché, con i saluti, i dibattiti e le discussioni del bar, rafforza quel senso di comunità che da fuori viene molto studiata, invidiata, ammirata. E noi nemmeno ce ne accorgiamo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta

K - Linkiesta FictionOrdina qui il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta

Ci siamo: il nuovo numero di K, la rivista letteraria de Linkiesta curata da Nadia Terranova, è in stampa e sarà in distribuzione da lunedì 17 maggio nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco), oltre che direttamente qui sul sito de Linkiesta.

Il tema del secondo numero di K è la Memoria.

Gli autori che hanno partecipato a questo numero con un racconto originale scritto appositamente per K sono:
Viola Ardone, Stefania Auci, Silvia Avallone, Annalena Benini, Giulia Caminito, Donatella Di Pietrantonio, Davide Enia, Lisa Ginzburg, Wlodek Goldkorn, Loredana Lipperini, Pasquale Panella, Francesco Piccolo, Alberto Schiavone, Simonetta Sciandivasci, Andrea Tarabbia, Alessandro Zaccuri.

C’è anche l’anteprima dei romanzi di Karl Ove Knausgård e di Ali Smith, entrambi in uscita in Italia nei prossimi mesi.
Il volume ospita anche tre mini racconti di Stefania Auci, Rosella Postorino e Nadia Terranova.

Preordina K – Memoria sul sito de Linkiesta a 20 euro più 5 di spese postali. Il volume sarà spedito dal 17 maggio e arriverà in due giorni in tutta Italia. Oppure compralo a 20 euro nelle migliori librerie indipendenti di tutta Italia (ecco l’elenco).

Per acquistare più copie di K, scrivere qui.

20 a copia