Vent’anni dopoL’11 settembre raccontato attraverso le copertine del New Yorker

La raccolta di immagini per non dimenticare l’attacco islamista all’America con le illustrazioni pubblicate dal prestigioso settimanale americano. Dalla prima di Art Spiegelman e Françoise Mouly a quella di questa settimana disegnata da Pascal Campion

da newyorker.com

Il prossimo 11 settembre saranno vent’anni dall’attacco al World Trade Center di New York e al Pentagono. È stato un evento spartiacque, che ha segnato quattro Amministrazioni diverse, costrette ad affrontare le conseguenze e le guerre causate dalla strage islamista di Al Qaeda, e ha influenzato profondamente la storia mondiale. Il New Yorker, tra i più importanti settimanali americani, ha raccontato a più riprese che cosa ha voluto dire, per New York, l’America e il mondo, l’attacco di Osama bin Laden. Quella che segue è una selezione di alcune delle cover più significative, che raffigurano i profondi cambi urbani, politici, sociali e culturali che il 9/11 ha provocato.

24 settembre 2001

A pochi giorni di distanza, il New Yorker pubblica un numero speciale dedicato inevitabilmente alla tragedia. Françoise Mouly, autrice con il marito Art Spiegelman della copertina, racconterà anni dopo: «Ho finito per disegnare una copertina nera e aggiungere, appena visibile, in un nero più profondo. Lasciava spazio a ciò che non poteva essere mostrato: l‘indicibile perdita, aggiungendo su suggerimento di mio marito la silhouette appena visibile delle due torri con un nero più scuro».

 

1 ottobre 2001

Per il numero di ottobre, lo schizzo stilizzato di una folla che freneticamente passa accanto al memoriale dei morti. Edward Sorel disegna una città che non dimenticherà mai, ma già al lavoro per voltare pagina e ricominciare.

 

29 ottobre 2001

Per Halloween di quello stesso anno la copertina è affidata a Peter de Sève, che coglie uno dei tanti particolari della tragedia: i pompieri, veri eroi dell‘11 settembre, diventano il travestimento preferito dei bambini.

 

5 novembre 2001

La città inizia a nutrire diffidenza nei confronti, dell’islam dopo l’accaduto, come si può vedere in questa prima pagina disegnata da Carter Goodrich. Ma i lavoratori (soprattutto tassisti) di fede musulmana presenti nella Grande Mela sono numerosi.

 

16 Settembre 2002

Un anno dopo, lo skyline amputato e un cielo così «pieno d’assenza» nel crepuscolare disegno di Ana Juan. Un richiamo artistico alla memoria per il primo anniversario della strage.

 

3 marzo 2003

Dopo un anno e mezzo, permane l’ombra di un nuovo attentato terroristico. La paura che l’incubo si ripeta non sbiadisce, ci dice questa copertina firmata da Edward Sorel.

 

15 Settembre 2003

Per il secondo anniversario, l’artista turco Gürbüz Doğan Ekşioğlu ha catturato la sensazione che ha assalito molti newyorkesi nel guardare il profilo della loro città senza più le torri gemelle.

 

13 settembre 2004

Nella copertina del terzo anniversario, l’artista di origine ungherese Istvan Banyai cattura l’inquietudine di un ricordo spettrale: lo shock di chi ha vissuto la tragedia dalle vetrate degli uffici ai piani alti.

 

6 dicembre 2004

Ancora la paura, ancora la diffidenza. A dicembre, per le festività natalizie, si teme un nuovo attacco in un clima di tensione. A firmare questa cover è Carter Goodrich, alla sua seconda copertina sul tema 11 settembre.

 

11 settembre 2006

Doppia copertina per il numero di settembre 2006. I disegnatori John Mavroudis e Owen Smith immortalano il funambolo Philippe Petit (celebre per la sua traversata su un filo sospeso tra le due torri nel 1974) mentre si esibisce simbolicamente nel vuoto lasciato dall’attentato di Al Qaeda.

 

12 settembre 2011

“Reflections”: Al decimo anniversario dell’11/9, Ana Juan dipinge lo skyline newyorchese di notte: il riflesso nell’acqua assume la forma delle Torri Gemelle. Un ricordo evanescente che però non lascia i cittadini di New York.

 

7/14 giugno 2014

Il Memoriale del World Trade Center, anche noto come Ground Zero e raffigurato da Adrian Tomine, nella copertina del settembre 2014 appare affollato da turisti nel pieno delle loro normali attività. Se si osserva bene, però, si nota una moltitudine di emozioni e reazioni a stretto contatto l’una dall’altra. 

 

13 settembre 2021

La copertina del ventennale della caduta delle Torri Gemelle raffigura una giovane coppia che si abbraccia, con Ground Zero nello sfondo. Pascal Campion “scatta” una diapositiva in bianco e nero, malinconica, che rievoca lo scorrere del tempo di fronte a una sempre attuale tragedia.