Servizio PutinIl tono apostolico del prof. Orsini nella ruminazione di un qualche sproposito

Analisi dello sguardo e della postura dell’accademico che dovrebbe curare meglio l’esposizione delle sue divagazioni sconclusionate

Unsplash

È abbastanza sleale far le pulci alle divagazioni del prof. Alessandro Orsini, quello della misurazione delle sanzioni su base quantitativo-omicidiaria du côté de chez teenagers: tot bimbi sventrati ti revoco lo swift, tot mutilati vai rimandato a settembre, poi se la curva scende sei riammesso a lezione e ti abbuono le donne stuprate. Diciamo che a botte di duemila euro si screditano per conto loro, queste belle trovate.

Invece è più leale occuparsi delle cose che l’accademico dei lettori affranti avrebbe modo di sorvegliare: la cadenza borgatara opposta al cognome illustre, le manine febbrili a lambire le tempie nell’agevolazione dell’arringa alla Monty Python, però seria seria, ispiratissima, con l’occhio celestino inquirente nel vuoto, e poi, a fesseria distribuita, quel suo implicarsi in una calma spossata e malinconica, fino a che gli arriva qualche bestemmia che lo risveglia, tipo che Putin ha preso qualche chilo, e allora un trasalimento gli ricompone i pensieri e gli riarma la gesticolazione che interviene ad adiuvandum nel discorzo – con la zeta – e nei mi dispiasce ma Zalensky è un rettiliano e va isolato.

Se dismettesse quel tono apostolico, quello sguardo impietrito nella ruminazione del prossimo sproposito, quella convinzione rabbiosa e infondata di non essere riconosciuto per quel che è, mentre stia tranquillo che si è capito benissimo, allora la sua dottrina si scaricherebbe finalmente di tutto quell’aggravio e andrebbe in serena decantazione. E tra le cose un po’ buffe che arrivano dal tinello mentre indora il soffritto e scende la pasta ci sarebbe anche quello, il contributo in purezza del prof. Orsini, che va bene per tutta la famiglia.

Ma per ora ci tocca così.

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter