Perle in cucinaLa Ville Lumière ha la sua nuova stella

La Francia è il primo Paese per l’export della Bufala Campana e il Consorzio per la Tutela rende omaggio al paese transalpino chiedendo a chef e influencer di presentare la "Nouvelle Caprese" durante il Sial di Parigi

Foto: courtesy Consorzio Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop

Il momento è storicamente importante: nel 2021 le vendite di mozzarelle hanno superato per la prima volta nella storia quelle del camembert e – con una quota pari al 33,7% delle esportazioni totali di mozzarelle – la Francia è risultato essere il primo Paese per l’export della Bufala Campana lasciando a distanza Germania (21%) e Regno Unito (6,6%).

Dai risultati di una ricerca affidata dal Consorzio a Nomisma (dati 2021) è emerso che il 70% dei francesi ha avuto almeno un’occasione di consumo della Bufala Campana in un anno mentre il 12% dei transalpini la consuma una volta a settimana.

L’identikit del consumatore francese segnala che il 33% di chi acquista mozzarella di bufala ha una famiglia con figli minori, mentre il 29% è costituito dai millennials (26-40 anni). Inoltre un consumatore su cinque acquista il prodotto nelle rinomate fromagerie francesi.

E in occasione del Sial, salone internazionale dell’agroalimentare, il principale evento fieristico del settore in Europa, il Consorzio di Tutela della Mozzarella di Bufala Campana Dop è volato in Francia per presentare la “Nouvelle Caprese” (Mozzarella di Bufala Campana Dop, succo di pomodoro, aceto balsamico di ciliegia, olive taggiasche e cachi sott’aceto), una rivisitazione dell’iconico piatto realizzata dallo chef italo-francese Danny Imbroisi che durante lo show cooking  sarà supportato da una squadra di influencer francesi.

«Questi numeri ci incoraggiano ad andare avanti puntando sulla qualità e sul miglioramento della logistica» ha detto Domenico Raimondo, presidente del Consorzio di Tutela Mozzarella di Bufala Campana Dop. «Dobbiamo essere ancora più veloci e pronti a soddisfare la voglia di bufala campana che c’è oltralpe e in tutta Europa, nonostante le forti difficoltà determinate dall’incremento dei costi energetici, che rischiano di vanificare il nostro impegno».

Al Sial la Bufala Campana si è presentata insieme ai Consorzi di Tutela Asiago, Gorgonzola, Grana Padano e Taleggio, sotto le insegne di Afidop, l’associazione dei formaggi Dop e Igp italiani.