NumeriFranciacorta chiude il 2023 con una crescita in valore

La Docg bresciana inizia il 2024 con un programma ricco di attività, tra gli eventi il nuovo Festival di Primavera a marzo

Foto Franciacorta

Franciacorta ha concluso il 2023 con una nota positiva, registrando una crescita in valore che ha compensato un leggero calo dei volumi. I fatturati 2023 presentano infatti un tasso di crescita rispetto al 2022 del 2,8 per cento e i prezzi medi del 6,4 per cento.

Nonostante le sfide incontrate nel corso dell’anno, il settore ha dimostrato grande adattabilità, mantenendo la sua posizione di eccellenza nel panorama vinicolo internazionale. L’incremento del valore evidenzia l’orientamento verso segmenti di mercato di alta qualità e il costante impegno dei produttori di Franciacorta per mantenere elevati standard di produzione e innovazione.

Il mercato interno – in leggera contrazione – sfiora l’88 per cento, continuando a rappresentare la fetta più rilevante del venduto. Al contrario, l’export mostra un andamento positivo e va a costituire circa il 12 per cento del totale, con un tasso di variazione positiva dell’1,5 per cento rispetto al 2022. Tra i principali importatori spiccano la Svizzera, il Giappone, la Germania, gli Stati Uniti e il Belgio: notevole è il risultato ottenuto dalla prima, che cresce più del 41 per cento rispetto al 2019, seguita dal Belgio (che supera il 23 per cento) e dagli Stati Uniti (con un aumento che eccede il 17 per cento). Tutti dati che sottolineano l’attrattiva internazionale del Franciacorta, nonché la capacità di penetrare nuovi mercati attraverso una politica sempre più attenta all’innovazione e alla sostenibilità.

CONTINUA A LEGGERE QUI

 

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club