La città delle ideeCopenaghen vista dagli occhi di due architetti e urbanisti milanesi

La capitale danese merita una visita per immergersi in un’atmosfera progettuale, in un luogo che prova a disegnare il suo futuro a partire dall’oggi, dal contemporaneo

Courtesy of Quinzii Terna Architecture – QTA

«Quello di cui non ci si rende sufficientemente conto è che la miglior difesa alle minacce esogene non sono le pareti, ma le idee, e che uno spazio può diventare luogo solo se propone a chi lo abita un riorientamento simbolico e identitario: “casa” non è lo spazio, è l’interpretazione che si dà a quello spazio, e che lascia tracce di sé in metonimie architettoniche dove si addensa, nasconde, rivela il farsi cultura di una cultura. […] Ci sono culture in cui le case pesano quanto un’idea, e culture in cui le idee pesano come le case», scriveva Matteo Meschiari in “Disabitare. Antropologie dello spazio domestico” (Meltemi, 2018). 

Una torre, dove si sale a cavallo fino all’osservatorio più antico d’Europa. Una guglia, dove provare la sensazione dell’abisso. Un inceneritore, sopra il quale si sviluppa una montagna su cui sciare, arrampicarsi e fare trekking nel bosco. Un centro culturale di quartiere, che è un grande playground al coperto per i bambini, con una palestra, un bar/ristorante, una biblioteca, un toboga per scendere dal terzo piano, delle pareti su cui arrampicarsi e ragnatele di cavi per sentirsi Spiderman.

Courtesy of Quinzii Terna Architecture – QTA

Una piazza/boulevard, che da minerale diventa naturale (e viceversa) e racconta un quartiere multiculturale, accogliendo arredi da tutto il mondo. Una piazza, che si sviluppa come un paesaggio topografico su cui sfrecciare con biciclette e monopattini e che accoglie questi mezzi sotto colline artificiali. Un parcheggio multipiano, che come una montagna sorregge casette in legno. Una casa collettiva, sulla quale si sale con una grande passeggiata pubblica e che prevede, a ogni piano, un piccolo giardino per ciascuna casa. Un parcheggio, che diventa un giardino botanico. Le ciclabili, con i poggiapiedi ai semafori e i cestini inclinati per gettare al volo i rifiuti direttamente dalla bicicletta. Una città, nella quale sacche di sangue ospedaliere vengono trasportate in cargo-bike. 

Copenaghen merita una visita, per immergersi in un’atmosfera progettuale, in un luogo, cioè, che prova a disegnare il suo futuro, a partire dall’oggi, dal contemporaneo. L’elenco precedente racchiude idee di singoli progetti, alcuni antichi, la maggior parte degli ultimi dieci-quindici anni, ma tutte insieme queste idee raccontano un’idea di città, di luogo che si vuole abitare: raccontano la voglia e il coraggio di una Nazione “giovane”, che con entusiasmo e ironia pensa e continuamente reinventa i propri spazi.

Il playground degli architetti, qualcuno potrebbe dire, ma Copenaghen forse dimostra la voglia di un’intera società di lasciarsi affascinare e stimolare da idee condivise, di leggere in queste la concreta possibilità di uno sviluppo economico e sociale, magari anche di tornare bambini e realizzare i propri sogni.

Il grande inceneritore, progettato dallo studio BIG, diventa allora un simbolo, oltre che un dispositivo tecnico: è l’immagine ottimista di una città che prende di petto un problema, una questione, e la risolve alla luce del sole, cercando di coinvolgere la società intera, anzi, attraendo persone dal fuori, per condividere questo ottimismo: un edificio che in altri luoghi sarebbe interdetto, protetto alla vista, impenetrabile, qui diventa un luogo pubblico, costruito per divertire. È una montagna in un Paese piatto, è un sentiero da percorrere di corsa più volte, è una vista inedita verso il mare, ma anche verso le industrie locali circostanti (perché nasconderle?), è un bar, è un parco giochi. E, sotto, straordinariamente, l’immondizia cittadina viene trasformata in calore e nuova energia.

Courtesy of Quinzii Terna Architecture – QTA

Questo non vuol dire che l’ottimismo di affrontare le situazioni più difficili si possa risolvere senza criticità (e critiche): la combustione dei rifiuti ha portato a un minor riciclo da parte dei cittadini; la dimensione dell’inceneritore è sovradimensionata per la città e quindi vengono bruciati anche rifiuti esterni, affinché si possa mantenere l’efficienza del sistema; i gas di scarico della combustione non sono totalmente esenti da sostanze inquinanti; in generale la combustione dei rifiuti non si può annoverare tra i sistemi sostenibili per la riduzione degli scarti.

Eppure vediamo in questo edificio la serenità di provare, di mettersi in gioco per affrontare una problematica, sapendo di poter sbagliare e quindi di riprovare, migliorando: confrontiamo questo atteggiamento con la passività con la quale in Italia si affrontano le nuove necessità, con l’inazione, che spesso sfocia nel conservatorismo; ogni decisione migliorativa diventa così un passo pesante, da attuare con circospezione, nonostante, spesso, l’entusiasmo e le competenze che arrivano dal basso (pensiamo alla recente mobilitazione contro la sosta irregolare a Milano e più in generale a un Paese che ha un numero di architetti pari a cinque volte quello della Francia e quasi il triplo rispetto alla media europea): qui, a Copenaghen, l’entusiasmo e le competenze vengono raccolte e veicolate in progetti concreti attraverso una narrativa positivista, ma non pare mai che la comunicazione voglia impedire la critica.

Courtesy of Quinzii Terna Architecture – QTA

Semplicemente la città è pronta ad accogliere la complessità del presente, in maniera rigorosa, ma, soprattutto, propositiva, alla fine di un percorso/processo intrapreso dalla metà degli anni Sessanta del Novecento con le prime sperimentazioni urbane, ai quali grande contributo si deve agli studi, alle analisi e alle proposte di Jan Gehl. In questo senso sembra che Copenaghen (e così altre città internazionali) possa raccogliere l’eredità di un pensiero progettuale forte e radicale, che caratterizzi i nostri tempi.

Gli anni dopo le guerre mondiali hanno raccolto le istanze più urgenti della contemporaneità: da un lato l’igiene, fondato sul razionalismo, le ampie distanze degli edifici per far entrare sole e luce nelle case, il bianco degli edifici come narrazione della pulizia e del rigore; dall’altro lato la quantità, la necessità di case per la ricostruzione fisica, economica e sociale delle comunità urbane, i nuovi servizi, le scuole, la sperimentazione dell’industrializzazione edilizia.

Oggi, un centinaio di anni dopo, troviamo delle nuove esigenze nella società e una delle più forti è forse quella legata alla riappropriazione dello spazio pubblico, spesso attraverso il gioco, che nelle sue varie forme abbraccia anche i concetti di leisure, sport e salute pubblica e, più in generale, il tema della mobilità sostenibile. Ne parliamo nella prossima “puntata”, dove racconteremo di alcune piazze della città, simbolo di questa attitudine. 

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter