Alberto Mucci

Ventitré anni, gli ultimi quasi tutti (purtroppo) passati fuori dall’Italia: la maggior parte a Londra con intramezzi mediorientali per tentare di studiare un arabo mai imparato e un periodo, caldo e fantastico, nell’Africa dell’Est. Oggi scrive di politica americana, cultura pop e quant’altro. Vive a Chicago, la città di Obama o come la descrive David Axelrod, mitico consigliere del presidente, ciò che “è oggi quello che fu Boston ai tempi dei Kennedy” – il centro ufficioso del potere politico americano. Oltre allo scrivere c’è la bicicletta, il nuoto e i libri. Un giorno ne vorrebbe scrivere uno suo. Prima però ci vuole un’idea. Al momento non c’è, ma forse magari un giorno verrà.