The Ghost WriterTutti gli uomini del vicepresidente

L'ufficio stampa di Scalfarotto martella la redazione del sito dell'Espresso per una foto che non si è capito bene se manca oppure è semplicemente brutta. Per ottenere il risultato partono verso la...

L’ufficio stampa di Scalfarotto martella la redazione del sito dell’Espresso per una foto che non si è capito bene se manca oppure è semplicemente brutta. Per ottenere il risultato partono verso la redazione cinque o sei querule telefonate. Una di queste la prende Alessandro Gilioli, che ovviamente e giustamente sfancula gli addetti stampa. Non contento però sputtana anche Scalfarotto su Facebook, che però da carino qual è si scusa prontamente perché è chiaro che è lui il responsabile di ciò che fa il suo staff.
Il principio della responsabilità del politico di ciò che il suo staff gli combina è evidente. Ma chi lavora con la politica sa anche che gran parte degli errori di comunicazione sono dovuti all’opera spesso approssimativa e scazzata degli staff.
Va diffondendosi l’abitudine di inchiodare, a questo proposito, la responsabilità dei politici per gli scivoloni dello staff puntando sull’incapacità di selezionarne uno competente. Gilioli invece ha scelto di puntare tutto sulla responsabilità indiretta, perché fa titolo. E non è bello.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta