Le cadute della borsa italiana

Si sono avute quattro cadute maggiori nel secondo dopoguerra. I numeri sono al netto dell'inflazione, quindi sono numeri “reali”, e non includono i dividendi, i costi di gestione e transazione e le...

Si sono avute quattro cadute maggiori nel secondo dopoguerra. I numeri sono al netto dell’inflazione, quindi sono numeri “reali”, e non includono i dividendi, i costi di gestione e transazione e le imposte. La caduta degli anni sesssanta è stata notevole, come quella degli anni settanta, che in un sottoperiodo è stata anche peggiore. Poi si sono avuti venticinque anni di (relativa) tranquillità – circa dal 1985 al 2007 – e siamo arrivati all’ultima crisi. Negli sessanta e settanta abbiamo avuto una causa scatenante di natura essenzialmente interna (le nazionalizzazioni, l’inflazione, i sommovimenti sociali). Questa volta abbiamo l’intreccio fra i problemi del debito pubblico e la globalizzazione della finanza.

Caduta cumulata nei cinque anni Ripresa cumulata nei successivi cinque

1960-1965 -62,3% -0,5%

1970-1975 -62,6% -46,1%

1973-1978 -80,7% 72,6%

2007-2011 Circa il 50% ?

I numeri delle prime tre righe sono tratti da R.J. Shiller, Irrational Exuberance, Princeton, tavola 7.4

Si veda anche:

http://www.centroeinaudi.it/il-progetto-1/notizie-economiacentroeinaudiit-97/331-perch-la-borsa-italiana-va-peggio.html

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020