YottabyteTavolette per nordici maschi

Sarà l’estate o sarà la voglia di titoli gossippari o un mix dei due ma Panorama non si lascia scappare un approfondimento (!) sulla tecnologia, guarda caso basato sul tablet, inanellando una serie...

Sarà l’estate o sarà la voglia di titoli gossippari o un mix dei due ma Panorama non si lascia scappare un approfondimento (!) sulla tecnologia, guarda caso basato sul tablet, inanellando una serie di rare banalità da ascensore o da ombrellone.

Dall’articolo, a commento di una indagine condotta da Nextplora, emergono queste interessantissime novità; il 72% degli internauti italiani guarda con interesse al tablet e ben il 51% ne acquisterebbe uno. Come partenza non è male anche perché in questo modo l’articolo è già pronto per il nuovo device prossimo futuro, basterà sostituirne il nome. Si scopre poi che incredibilmente la percentuale aumenta tra i giovanissimi. Qui a onor di cronaca ci stava bene anche un accenno al digital divide ma si vede che non si è voluto spingere troppo sull’approfondimento sociologico.
Dopo queste informazioni entusiastiche, però, si scopre che solo il 2% degli internauti ha già fatto l’acquisto del tanto agognato tablet e, udite udite, il freno principale è rappresentato dal prezzo.
Notizia sconvolgente! Ma anche in questo caso non si è voluto inserire nessuno riferimento alla crisi economica.
Effettivamente nessuno si aspettava questo tipo di informazioni ma per una buona conversazione da ombrellone tra un torneo estivo di calcio e un altro serviva ancora qualcosa di più ed eccolo servito in chiusura. L’utilizzatore è in prevalenza maschio, in prevalenza residente al nord e compreso nella fascia d’età 35-44 anni (fintantoché i prezzi non si abbasseranno).

E in attesa di scoprire che il tablet è difficile da usare sotto il sole (notizia, purtroppo già letta) e che l’ebook reader è comodo ma il piacere di sfogliare un romanzo è differente, buone vacanze informatizzate sotto l’ombrellone o in montagna.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020