PAPAGENO - Incursioni nella musica d’oggiImportante appuntamento con Berio Lachenmann e Schumann diretti da Roberto Abbado

Concerto inaugurale di Milano Musica questa sera al Teatro alla Scala. Roberto Abbado dirige Luciano Berio, Helmut Lachenmann e Robert Schumann. Il festival, la cui ideatrice e colonna portante è L...

Concerto inaugurale di Milano Musica questa sera al Teatro alla Scala. Roberto Abbado dirige Luciano Berio, Helmut Lachenmann e Robert Schumann. Il festival, la cui ideatrice e colonna portante è Luciana Pestalozza, è ormai giunto alla ventesima edizione. È un appuntamento autunnale vitale per i melomani, e in particolare quelli curiosi di scoprire la musica d’oggi.

Questa sera di Berio viene eseguito Requies, brano composto tra il 1983 e l’85 in memoria di Cathy Berberian, moglie di Berio dal 1950 al 1966 e voce veramente straordinaria. Insieme hanno sperimentato molto ed elaborato cardini del repertorio vocale del dopoguerra, come Thema (Omaggio a Joyce), Circles, Sequenza III e Recital I (for Cathy). Lei, musa di numerosi altri compositori tra cui ad esempio Sylvano Bussotti, amava molto anche canzoni popolari e musica pop. Da Louis Andriessen si era fatta arrangiare in stile barocco vari pezzi dei Beatles, “per far amare le canzoni dei Beatles ai genitori”.

Qui Michelle:

In Requies un’orchestra da camera tratteggia una melodia svelandola progressivamente, in maniera discontinua, mediante richiami e digressioni. Berio diceva: “come un’ombra descrive un oggetto, come un’eco descrive un suono”.

Seguono Schreiben (2002-04) di Lachenmann, per orchestra, e la quarta sinfonia di Schumann. Lachenmann, il compositore che rende musica suoni che in fondo sono semplici rumori, lo ritroverete spesso nei programmi dei dieci concerti della rassegna: è il protagonista di quest’anno, come negli anni scorsi lo sono stati Xenakis, Cage, Dufourt, Ligeti.

Il festival prosegue fino al 17 novembre, con appuntamenti in tutta Milano. Per il programma completo www.milanomusica.org.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta