grand-tourUn film d’artista ci fa vedere le Alpi. Stereotipi a parte.

Ecco, per esempio: prendete un fotografo globe-trotter e chiedetegli di mostrarvi come sono le alpi, dal suo punto di vista. Lui per rispondere ne farà un film, lavorandoci per ben sette anni! Un ...

Ecco, per esempio: prendete un fotografo globe-trotter e chiedetegli di mostrarvi come sono le alpi, dal suo punto di vista. Lui per rispondere ne farà un film, lavorandoci per ben sette anni! Un buon lavoro richiede sempre una certa lentezza, per definizione.

Alpi è passato a fine settembre al Milano FIlm Festival nella sezione Vernixage, una delle novità introdotte dai due giovani neo-direttori del festival, una finestra sulle intersezioni tra cinema e videoarte.

Certo, tutti noi pensando alle grandi montagne, un complesso su cui si appoggiano otto diverse nazioni, abbiamo in testa tutta una serie di immagini, dalle donne in pelliccia ai tetti a punta, le piste da sci, il fumo che sale dai camini accesi… Lui invece infila una sequenza quasi muta di frammenti, micro narrazioni di luoghi, eventi, situazioni che spiazzano la nostra attenzione, raccontano un’altra storia. Un collage che si distende poi sulle belle riprese aeree dall’elicottero, che finalmente ci riportano a una visione familiare, eppure inedita, originale.

Armin Linke ci racconta così un paesaggio chiave su cui si concentrano relazioni sociali, economiche e politiche: un immaginario complesso, che attinge da una storia reale che a molti sfugge. Il ragionamento ha una sua evidenza, anche grazie alla bellissima fotografia del film.

Così ne parla Bruno Latour: “Going to the Alps? Thinking of trekking outdoors? Dreaming of skiing in Switzerland? Watch Armin Linke′s film first. Beware. You will always be inside, deep inside laboratories, factories, ski resorts, or Swiss bunkers hidden in the mountains.”

Ve lo siete perso? Dove rivederlo? Per un assaggio guardate il trailer (scorrere giù), e poi correte alla Viennale, oppure a Firenze per lo Schermo dell’arte Film Festival 2011.

Buona visione.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta