YottabyteiPhone e iOs 5.0.1

Non parlerò del problema tecnico dell'aggiornamento ad iOs 5.0.1 e dei problemi che i clienti (di Wind in particolare) stanno avendo in questi giorni ma vorrei, invece, commentare la risposta di Wi...

Non parlerò del problema tecnico dell’aggiornamento ad iOs 5.0.1 e dei problemi che i clienti (di Wind in particolare) stanno avendo in questi giorni ma vorrei, invece, commentare la risposta di Wind a “Malditech” (blog tecnologico di Corriere.it) come replica ad un post sugli stessi disservizi.

Copio e incollo brutalmente “I problemi con il nuovo Apple 4S riguardano anche gli altri gestori in Italia, e non solo, visto che le segnalazioni vengono registrate in tutto il mondo. Abbiamo segnalato i fenomeni ad Apple ma, stranamente, siamo ancora in attesa di risposta. I disagi si possono verificare quando vi è l’aggiornamento della nuova versione del sistema operativo 5.0.1, e non è detto che ciò accada sempre.

Questi possono essere di 3 tipi:
– Rapido consumo della batteria
– Cambio di apn, modifica del punto di accesso, internet e wap. Wind è immune da questo problema in quanto le offerte tariffarie sono molto flessibili, i bundle possono essere utilizzati indifferentemente su wap e internet.
– Non riconoscimento della sim.

Ci aspettiamo da un marchio importante come Apple una immediata soluzione ai problemi.”

Wind quindi, in risposta al disservizio (e che disservizio, roba da far impallidire il black-out di RIM di qualche settimana fa http://www.linkiesta.it/e-dopo-tre-giorni-anche-blackberry-risorse-ma-l-immagine-son-dolori ) risponde con “Ci aspettiamo da un marchio importante come Apple una immediata soluzione ai problemi”.

Farà molto piacere ai clienti sapere che il proprio carrier si aspetta una immediata soluzione dei problemi da Apple visto che é un marchio importante! E quegli stessi clienti si sentiranno tranquillizzati dal fatto che Wind ha segnalato i disagi ma é ancora in attesa di risposta dall’azienda con un marchio importante.

Una macchia sull’immacolata tunica di Apple?
Anche in questo caso (come sempre quando si parla di Cupertino) il mondo si schiererà su fronti opposti tra chi “perdona tutto a Apple perchè Apple é Apple e il problema é di X” (e al posot di X mettete pure il nome che volete) e chi dirà “Apple si comporta come il peggiore dei monopolisti, altro che think different”.

Qualcuno poi, in preda ad un impeto tecnologico si spingerà ad aggiungere “il futuro é Android/Google, quello é un sistema libero e aperto”.

Poi, magari, tra qualche mese ci ritroveremo a commentare le scelte a favore di Motorola di BigG. Ma quella é un’altra storia.
Che si avvererà? Chi può dirlo con certezza? Stay tuned!

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta