Viva l’ItaliaMalgieri e il bagno dei desideri

Gennaro Malgieri, deputato del pdl, lo conoscevano in pochi, ora è internazionale. E’ bastata una sola frase "Chiedo scusa per essermi assentato in un momento cruciale, ma se fossi stato presente a...

Gennaro Malgieri, deputato del pdl, lo conoscevano in pochi, ora è internazionale. E’ bastata una sola frase “Chiedo scusa per essermi assentato in un momento cruciale, ma se fossi stato presente avrei votato a favore”.

Poche parole per comunicare all’Italia e al mondo che “gli scappava”. Non sappiamo se pipì o altro, ma sappiamo che di sicuro passerà alla storia per aver assecondato la sua urgenza di andare in bagno, mentre era in atto il voto sul Rendiconto generale di bilancio. Almeno prenderà la pensione da parlamentare dopo aver lasciato un segno nella storia.

Una mia amica spagnola si è affrettata a telefonarmi, non poteva crederci . Io neppure, ed è stata dura convincerla che non era la solita barzelletta sul Governo Italiano. Non so se mi ha creduto, era in ufficio e ha dovuto riagganciare perché le scappava troppo, da ridere. Per fortuna non hanno telefonato anche Sarkozy e la Merkel, loro hanno la risatina facile, sarebbe stato impossibile farli smettere, e viste le circostanze come dargli torto?

Se dobbiamo credere alla storiella che Malgieri, ricordandosi di dover “prendere una pastiglia” abbia avuto l’impellenza di andare un momentino in bagno, guada caso nel momento clou, possiamo anche credere che Berlusca si dimetterà davvero dopo l’approvazione da parte del Parlamento della Legge di stabilità. Forse questa volta ci siamo, o quasi. Personalmente non ci credo, l’Italia è il paese delle meraviglie dove tutto è possibile, tranne che la normalità trionfi sulle assurdità. Berlusconi è passato dalla completa delusione e tristezza di quando ha appreso dei soli 308 favorevoli, a un tono di assoluta tranquillità durante le interviste rilasciate al Tg1 e Tg5 dell’edizione serale. Che la “disponibilità” a rassegnare le dimissioni non rimanga solo un’intenzione in attesa di idee migliori? Lo vedremo nei prossimi dieci giorni.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta