Cosa succede fuori?Guerra S.P.A.

Ieri Obama e Nuri al Maliki (presidente iracheno) hanno tenuto una conferenza stampa, dove, da una parte gli Stati Uniti dichiarano di ritirarsi ufficialmente  , dall’altra il governo iracheno si i...

Ieri Obama e Nuri al Maliki (presidente iracheno) hanno tenuto una conferenza stampa, dove, da una parte gli Stati Uniti dichiarano di ritirarsi ufficialmente , dall’altra il governo iracheno si impegna su tutti i fronti per un piena autonomia e cooperazione internazionale.

Sempre, ieri, gli Usa hanno venduto 18 f-16 al governo di Maliki in più hanno promesso che rimarranno degli istruttori americani , per continuare ad addestrare l’esercito iracheno.

Fino a qui nulla di strano se non che : il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, ieri ha annunciato ufficialmente che la missione di addestramento dell’Alleanza nel Paese mediorientale terminerà il 31 dicembre, data della scadenza del mandato, questa affermazione contrasta quella di Obama che lascerà degli istruttori …

Mentre navigavo su internet ho scoperto -forse- la soluzione : vi ricordate la Blackwater Worldwide -la più grossa compagnia militare privata- che poi è diventata Xe Services LLC? Coincidenza vuole che proprio ieri ha cambiato nome in ACADEMI.

A questo punto riflettendo bene mi vengono in mente delle domande :

Loro rimarranno in Iraq?

Saranno proprio loro che continueranno ad addestrare i militari iracheni?

Da che parte arriveranno i finanziamenti?

Cercando nel web delle risposte, ho trovato un intervista nel Wall Street Journal ad Ted Wright, nuovo presidente e amministratore delegato della società militare, il quale afferma che vuol riprendere in mano il business in Iraq operando di più sul territorio .

Insomma la guerra sta diventando sempre più una S.P.A. e soldati di ventura , come nel feudalesimo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta