Se la Marina salva i pescatori iraniani

Per la quarta volta in un mese, la Marina statunitense ha salvato un'imbarcazione iraniana che si trovava in difficoltà nelle acque del Golfo Persico. Perché tanti salvataggi? Un'interpretazione de...

Per la quarta volta in un mese, la Marina statunitense ha salvato un’imbarcazione iraniana che si trovava in difficoltà nelle acque del Golfo Persico. Perché tanti salvataggi? Un’interpretazione del fenomeno.

Un peschereccio iraniano, simile a quello soccorso questa mattina dalla portaerei Lincoln nel Golfo Persico.

Un elicottero della portaerei Lincoln stava sorvolando le acque del Golfo quando ha avvistato una piccola imbarcazione i cui nove pescatori agitavano alcuni vestiti sopra la propria testa. Gli iraniani avevano il motore in avaria e chiedevano aiuto. “Dopo esserci assicurati che il motore della barca era tornato a funzionare, che l’equipaggio fosse al sicuro e con sufficiente cibo, acqua e benzina, siamo tornati alle basi” ha dichiarato la Marina americana.

Non sarà l’ultima volta in cui vedremo i militari a stelle e strisce soccorrere dei pescatori iraniani: da un lato le sanzioni impediscono l’arrivo di pezzi di ricambio per le imbarcazioni,che si trovano in uno stato sempre peggiore; dall’altro con l’acuirsi delle tensioni tra i due paesi, le navi da guerra americane stanno riempiendo il Golfo. A fronte di questo la Marina iraniana si tiene lontana dai confini marittimi per paura che un piccolo incidente possa scatenare un conflitto.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta