De GustibusAl Salone aperitivi etici e cene a km 0

Il Salone del Mobile di Milano è una di quelle circostanze in cui desiderare avere il dono dell’ubiquità. In mancanza di tale capacità, l’importante e vantare quante più apparizioni possibili, megl...

Il Salone del Mobile di Milano è una di quelle circostanze in cui desiderare avere il dono dell’ubiquità. In mancanza di tale capacità, l’importante e vantare quante più apparizioni possibili, meglio se contemporanee, meglio se a cocktail green, aperitivi “etici” e cene a km 0. Eventi glam, ma “bio-pauperistici”, ecco la mappa degli appuntamenti food da non mancare.
Nello showroom Valcucine in Corso Garibaldi, 99, aperitivi a impatto zero a cura di Lisca, la recyclechef di Ecocucina: degli scarti di altri eventi non si butta via niente. Tutto si ricicla e si trasforma in un eco-aperitivo. Oggi si sono recuperate bucce di patate e scorze di agrumi, domani sarà la volta di foglie e barbe di finocchi, giovedì si recuperano i gambi degli asparagi, venerdì le foglie di sedano e le bucce di carota, sabato verrà data seconda vita a bucce & torsoli per chiudere domenica con il riciclo del pane raffermo.
Ecocompatibile nella carta e negli arredi anche il temporary Bio-Ristò firmato Alce Nero al Superstudio Più di via Tortona 27.
Prodotti e cucina a Km 0 nel Farmer’s Street Food di Via Tortona e nei piatti proposti da grandi chef, Carlo Cracco in testa, nell’ipertecnologica cucina itinerante di Inoxpiù, dove si cucina materia prima rigorosamente local.
Dal cooking-truck alla roulotte, stavolta dentro il Salone, dove Mauro Uliassi prepara cibo da strada, ma chic.
Provati e in crisi ipoglicemica, trovate rimedio al calo di zuccheri da Hambistro con pane e Nutella, cupcakes e cookies o al Convivium Design, in Via Dante 14, con pasta, aperitivi e chiacchiere.
Giovani designer e cuochi creativi, birre e abbinamenti ricercati in un appartamento al primo piano di Via Solferino 9, uno dei pochi temporary restaurant del salone a conservare un’aria fashion. Mettetevi in coda presto venerdì per assaggiare Baladin Nora con la Capasanta marinata al Campari in zuppetta di acqua di cocco alla liquirizia di Matteo Torretta e Federico Comi del Visconti Palace di Milano.
Produzioni responsabili e benessere sociale e ambientale nella restaurata seicentesca Cascina Cuccagna (2/4 via Cuccagna ang. via Muratori), dove anche l’area Food risponde all’obiettivo di recuperare un luogo della socialità contadina con il nuovo ristorante-bar “Un posto a Milano”. Oggi dalle 19.00 alle 22.00 “Cook for good”, cooking performance collettiva e domenica 22, giornata mondiale della terra, gita in campagna e pic nic.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta