Regard vers l’avenirBalotelli, italiano vero.

Mario Balotelli, il giovane campione italiano, noto in tutta Europa per entrare dure, notti brave, il classico esempio di genio e sregolatezza. Come per magia ieri è diventato un eroe nazionale, se...

Mario Balotelli, il giovane campione italiano, noto in tutta Europa per entrare dure, notti brave, il classico esempio di genio e sregolatezza. Come per magia ieri è diventato un eroe nazionale, segnando una doppietta contro gli avversari di sempre: i temutissimi tedeschi. Questo ragazzo è stato sempre messo alla gogna, prima perchè ritenuto un “bulletto italiano”, poi ovviamente ha dovuto subire gli odiosissimi fischi solo per il fatto di essere di colore (questa purtroppo è una triste consuetudine) ed infine, durante la recente visita al campo di sterminio di Auschwitz, dopo aver dichiarato alla stampa che i suoi genitori adottivi fossero di religione ebraica, ha dovuto subire un pesantissimo attacco dal sito Stormfront che lo ha definito “negro eb ebreo”. Qual è stata la risposta a tutto questo? Dopo strilli, parolacce e nessuna esultanza, ieri sera Mario ha esultato, ha sorriso ai propri compagni ed ha portato la sua Italia in finale degli Europei. Un ragazzo che ha vissuto l’esperienza dell’immigrazione, dell’emarginazione e che ha vinto le sue battaglie tirando calci ad un pallone. Sinceramente è questo il Balotelli che vogliamo: grintoso, sorridente, fiero cittadino italiano.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta