Darwin sognava pecore digitaliFacebook si prepara a lanciare il suo smartphone dal nome insolito

Rumoreggia da parecchio tempo la notizia secondo cui Facebook sta lavorando ad un proprio smartphone, reclutando ingegneri hardware a destra e a manca. In realtà quello che potete vedere nella fot...

Rumoreggia da parecchio tempo la notizia secondo cui Facebook sta lavorando ad un proprio smartphone, reclutando ingegneri hardware a destra e a manca. In realtà quello che potete vedere nella fotografia è solo una possibile versione, un concept creato dal Designer Michal Bonikowski. Ad un primo impatto sembra una sorta di i-phone con qualche tasto in più, possiede una telecamera anteriore da 5 megapixel e una posteriore da 8 megapixel. Il dispositivo da 4.2 pollici, ci offre solamente un’anteprima di come potrebbe essere il fatidico F-Phone.

Nella realtà il New York Times afferma che Facebook ci sta provando dal 2010 ma senza ottimi risultati, giungendo oggi al terzo tentativo. Insomma Zuckerberg e i suoi ingegneri costruiscono e smantellano a piacimento, rinviando da qualche anno l’uscita dell’effe-Phone. Voci danno per certo l’attuale sviluppo e la distribuzione nel mercato entro il 2013.

Il dispositivo però potrebbe chiamarsi “Buffy”, si proprio come la celebre ammazzavampiri in gonnella. Nome in codice “Buffy”, scrive Mashable. Potrebbe essere una bufala colossale, l’ennesimo fallimento col mobile, oppure molto semplicemente il buon Mark aveva una cotta per Sarah Michelle Gellar alle superiori. Un nome non proprio azzeccato.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta