Neverland - Sogni, Giochi, RealtàMaturità: prova d’italiano e Montale

REALTÀ RIARSA   Anche quest'anno è arrivata la maturità. Oltre 400.000 studenti italiani sono alle prese con il tema proprio mentre scrivo. E mi sento particolarmente vicino a loro visto che anche ...

REALTÀ RIARSA

Anche quest’anno è arrivata la maturità. Oltre 400.000 studenti italiani sono alle prese con il tema proprio mentre scrivo. E mi sento particolarmente vicino a loro visto che anche quest’anno, come 15 anni fa, nel 1997 – anno in cui sostenni io l’esame -, una delle tracce riguarda Montale.

Come il poeta tutti noi cerchiamo “una maglia rotta nella rete / che ci stringe”. Una fuga dalla realtà? Piuttosto la ricerca di una nuova realtà, come la terra riarsa che anela ai corsi d’acqua. Almeno, quella era la mia sensazione all’epoca.

E poi venne una grande liberazione e soddisfazione, imparagonabile poi a tutti gli altri esami della vita, universitaria o lavorativa, successiva. Per cui: coraggio!

E un consiglio: maturandi, scrivete quello che provate dopo il tema, sarà un ricordo indelebile per la vostra memoria. Io l’avevo fatto sotto forma di poesia, che ora vi regalo.

Dopo il tema
(Maturità 3)

È vuöta la mente,
si piegan le ginocchia,
non capisco più niente
di quest’immensità
che mi pesa rovente
addosso,
arida
riarsa
melanconica
dimenticata.
Leopardi e Montale,
memoria dell’infanzia
avete tale e quale
io scrissi? “Che infanzia?”
chiedete,
voi che già siete
di quelli di poi.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta