YottabyteiOS6 e mappe fuori controllo, con Steve Jobs non sarebbe mai successo?

Stanno facendo in  queste ore il giro del web una serie di commenti dai più seri ai veri e propri sfottò relativi alle mappe del nuovo iOS6. Gli utenti stanno riscontrando una serie di errori che v...

Stanno facendo in queste ore il giro del web una serie di commenti dai più seri ai veri e propri sfottò relativi alle mappe del nuovo iOS6.

Gli utenti stanno riscontrando una serie di errori che vanno dall’imprecisa collocazione di luoghi e punti di interesse, a immagini satellitari in bianco e nero per alcune zone, ad errate indicazioni di nomi di città e risultati sbagliati dalla funzione di ricerca.

I social network stanno facendo da grancassa e i retweet si precano.

Va detto che Apple ha reagito subito dichiarndo ad All Things D, a mezzo di un portavoce ufficiale:
“I clienti attorno al mondo stanno aggiornando iOS 6 con oltre 200 nuove caratteristiche tra cui Apple Maps, il nostro primo servizio di mappe…Siamo entusiasti di offrire questo servizio con nuove caratteristiche come Flyover, la navigazione punto-punto e l’integrazione con Siri. Abbiamo lanciato questo nuovo servizio sapendo che è una iniziativa di rilievo e che siamo appena partiti. Maps è una soluzione cloud-based e più persone la utilizzeranno, migliore diventerà. Apprezziamo il feedback degli utenti e stiamo lavorando sodo per rendere l’esperienza d’uso ancor migliore”.

La caduta di stile c’è. Il magic touch Apple é incrinato e ammettere pubblicamente che hanno lanciato un serivzio mappe (dopo aver litigato con Google) non maturo ha sicuramente fatto sorridere molti a Mountain View e in Corea.

Steve non l’avrebbe permesso?
Nesusno può dirlo, sicuramente ci sarebe qualche nuovo disoccupato Apple in giro se fosse successo.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020