IotaQuando la Jugoslavia impazziva per il Messico.

Una piccola chicca per cominciare meglio la settimana: negli anni cinquanta, consumatasi la rottura tra Tito e Stalin, la Jugoslavia fu costretta a ridefinire le proprie coordinate culturali. Con r...

Una piccola chicca per cominciare meglio la settimana: negli anni cinquanta, consumatasi la rottura tra Tito e Stalin, la Jugoslavia fu costretta a ridefinire le proprie coordinate culturali. Con risultati a dir poco sorprendenti.

L’autrice Slovena Miha Mazzini e il magazine online Bturn ci regalano una vera e propria chicca, raccontando l’effimera stagione della febbre messicana in Jugoslavia: nel 1948, il leader Jugoslavo Josip Broz Tito ruppe la sua alleanza con Stalin. Il paese si trovò improvvisamente al centro di due blocchi, quello del libero mercato e quello sovietico. Il regime Titino imprigionò molti simpatizzanti della Russia Stalinista (reali, o immaginari). I film Russi, improvvisamente, non furono più così popolari.

Le autorità Jugoslave dovevano cercare nuove coordinate culturali di riferimento. Le trovarono in Messico : un paese lontano, i cui carri armati non sarebbero mai e poi mai apparsi alle frontiere Jugoslave e, soprattutto, un paese in cui « la rivoluzione » era costantemente esaltata nei cinema.

“Un Dia de Vida” (1950) di Emilio Fernandez divenne così popolare – scrive la Mazzini – che ancor oggi molti anziani nei paesi dell’ex Jugoslavia la ritengono una delle pellicole più famose di tutti i tempi, anche se con ogni probabilità essa è sconosciuta in ogni altro paese (compreso il Messico).

Una vera e propria « febbre messicana » contagiò la Jugoslavia, con il risultato che moltissime false band messicane si formarono in tutto il paese. Sul sito dell’autrice è possibile trovare una cospicua galleria di copertine di Lp Jugo-Messicani dell’epoca. E anche qualche delicatissima perla di una delle koiné musicali più bizzarre di tutti i tempi.

Ljubomir Milic i Ansambl Paloma – Ne tesite tudje zene

Djordje Masalovic – Nestali su Dani Tuge

Nevenka Arsova – Paloma Negra

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta