Mi consentoNapoli, il messaggio della camorra a De Laurentiis

Diciamoci la verità, come cantava Francesco De Gregori ne La ragazza e la miniera, “se potessi cominciare daccapo, quello che ho fatto non lo rifarei”. Il giornalismo on line è roba per gente forte...

Diciamoci la verità, come cantava Francesco De Gregori ne La ragazza e la miniera, “se potessi cominciare daccapo, quello che ho fatto non lo rifarei”. Il giornalismo on line è roba per gente forte che scende dal cancelletto come faceva Piero Gros, senza occhiali e cappello, segno della croce e via.  

E allora noi teniamo duro. Un mese fa scrivemmo questo articolo per segnalare che con ogni probabilità l’indecenza del manto erboso dello stadio San Paolo non era dovuta alle alte temperature bensì a un sabotaggio della ditta licenziata da De Laurentiis. In quest’articolo notai come i napoletani fossero così stranamente restii a fare due più due quando la camorra mostra la sua presenza nella vita quotidiana. Sorvoliamo sui commenti.

Ma siccome qui siamo un po’ testardi, segnaliamo un altro episodio avvenuto ieri sera allo stadio San Paolo, durante la partita Napoli-Udinese. In curva B hanno srotolato uno striscione con la seguente scritta: “Tickets on line? Mai e poi mai” e più volte sono partiti cori contro il presidente De Laurentiis.

Vale la pena ricordare come lo scorso anno, in occasione della vendita dei biglietti per la partita Chelsea-Napoli, persone in fila per dieci ore furono costrette a cedere il posto ad altri che “garbatamente” li invitarono a farsi da parte. Fecero incetta di biglietti per poi rivenderli dopo pochi minuti al triplo del prezzo.

Scriviamo queste poche righe anche a futura memoria. Magari un giorno un pm, notando che il Napoli continuerà inspiegabilmente a evitare la vendita on line dei biglietti, si ridesterà dal torpore e annuncerà a giornali e tv che la camorra vuol mettere le mani sul calcio Napoli. Ci saranno tanti di quei titoloni che questo piccolo blog sembrerà un puntino insignificante.   

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta