MillelibriAnche io ho ceduto al Kobo

Non l'avrei mai immaginato. Io, che amavo e amo tutt'ora il libro su carta, il profumo delle pagine, la voglia di scegliere tra gli scaffali, io che avevo sempre detto no alla tecnologia...ho comin...

Non l’avrei mai immaginato. Io, che amavo e amo tutt’ora il libro su carta, il profumo delle pagine, la voglia di scegliere tra gli scaffali, io che avevo sempre detto no alla tecnologia…ho cominciato ad utilizzare un ebook reader.

Prima quasi per gioco, prendendo in prestito dal fidanzato supertecnologico il suo BeBook, ho cominciato a leggere qualche libro così, tanto per provare, ma un bel giorno sento parlare del Kobo Mondadori.

Ma che cos’avrà di così tanto bello questo Kobo? Ovviamente il fidanzato si fionda in libreria e senza pensarci troppo eccolo lì con il suo bell’acquisto: un Kobo mini bianco. E da lì il passo è stato breve.

Il kobo, scusate, ma è davvero fantastico. Ho deciso, prendo il mini. Quando ho visto che sta nella tasca dei jeans…è stato lì che è nato l’amore. Io che ho sempre la borsa pesantissima, io che porto sempre con me un libro, io che in vacanza ne porto anche 5 o 6 a seconda della durata…potrò portare più abiti e meno carta, potrò avere una borsa più leggera, potrò condividere le mie frasi preferite così, in pochi secondi. Ovvio che ho ancora tantissimi libri su carta e continuerò a comperarli, ma potrò tenere solo quelli che reputo davvero speciali.

Gli altri andranno nella mente del Kobo e lì resteranno, mentre alla vista rimarranno solo quelli a cui tengo. Così va avanti la letteratura!

Non si interrompe un’emozione, figuriamoci la Soncini!

X

Linkiesta senza pubblicità, per gli iscritti a Linkiesta Club

Iscriviti a Linkiesta Club