Laboratorio SiciliaInvece di pensare alla Gesip Orlando vola alto e si congratula con “Hillary”

Nel bel mezzo del disastro Gesip, con i 1.860 operai disperati che continuano a protestare davanti a Palazzo delle Aquile, il sindaco Leoluca Orlando, desaparesidos in Messico, trova il tempo per c...

Nel bel mezzo del disastro Gesip, con i 1.860 operai disperati che continuano a protestare davanti a Palazzo delle Aquile, il sindaco Leoluca Orlando, desaparesidos in Messico, trova il tempo per congratularsi con Hillary Clinton per la vittoria di Barck Obama.

Alle 12:25 l’ufficio stampa del sindaco di Palermo diffonde un comunicato:«Il Sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha inviato stamattina una nota
di congratulazioni ed auguri al Segretario di Stato USA, Senatrice
Hillary Clinton, dopo l’avvenuta riconferma del Presidente Barack
Obama». E cosa dice Orlando? «Apprendo con grande piacere della scelta dei cittadini degli USA di riconfermare la propria fiducia nel Governo del Presidente Obama – scrive Orlando – di cui lei è stata e sarà certamente un elemento chiave, come è elemento chiave quello della politica estera. Spero che questa scelta confermi la possibilità di una proficua cooperazione fra i nostri paesi, come spero che la città di Palermo possa avere l’onore ed il piacere di accoglierla nuovamente in futuro».

Ma quale “nodo Gesip”, Orlando vuole “Hillary” a Palermo. Tutto il resto sembra non interessargli.

giuseppealberto.falci@gmail.com

Twitter: @GiuseppeFalci

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta
Paper

Linkiesta Paper Estate 2020