grand-tourIsola del Giglio: se la Concordia restasse lì per sempre?

Si è da poco concluso un concorso di idee lanciato da una piattaforma di ricerca di architetti e paesaggisti, con la partnership di una famosa rivista d'architettura e una giuria prestigiosa, inter...

Si è da poco concluso un concorso di idee lanciato da una piattaforma di ricerca di architetti e paesaggisti, con la partnership di una famosa rivista d’architettura e una giuria prestigiosa, internazionale. Questo il presupposto: se il relitto della Costa Concordia fosse destinato a restare lì dov’è per sempre? Se il suo destino fosse quello, inesorabile, di diventare parte di quel paesaggio e della sua storia, cosa potrebbe diventare? Come si trasformerebbe? Paradosso, provocazone o estremo realismo?

(photocollage di Christophe Gautrand – progetto menzionato)

Certe iniziative appaiono tendenziose, in qualche modo sospette, eppure la domanda che solleva il concorso sembra legittima, preso atto del tragico accaduto, della difficile soluzione e di un epilogo forse imprevedibile. E le risposte, pur avendo qualcosa di sinistro, inquietante, aprono scenari possibili, per nulla scontati. Approfondite qui tutti i progetti, un viaggio di immaginazioni.

(photocollage di Alexander Laing – Francesco Matteo Belfiore – primo premio)

Come si fa ad essere sicuri che il relitto sarà rimosso, senza lasciare tracce e conseguenze, e in tempi ragionevoli, a quasi un anno di distanza dal disastro? Possiamo guardare a queste visioni come ad un futuro eventuale da non scartare a priori, se non al più realistico degli scenari? O forse questi progetti sono almeno utili ad accettare l’ipotesi che questo paesaggio non sarà più lo stesso di prima?

(photocollage di Vulmaro Zoffi – secondo premio)

Tra fine del mondo e la fine anno ci auguriamo, da ingenui, che cose così non succedano più, semplicemente. Così imprevedibili, inimmaginabili. E che in generale ci sia meno leggerezza da parte di tutti, e più consapevolezza del nostro paesaggio così meraviglioso, così delicato e così distrutto dall’ignoranza e dall’incoscienza di molti.

( illustrazioni di Francesco Tonnarelli – terzo premio ex-aequo)

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, così come i giornali di carta e la nuova rivista letteraria K, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta