Asia FilesVietnam, quarant’anni fa finiva la guerra

Quarant'anni fa finiva la guerra americana in Vietnam. Con gli accordi di Parigi nel gennaio del 1973, l'ultimo atto di una trattativa snervante durata cinque anni, e di una guerra durata decenni, ...

Quarant’anni fa finiva la guerra americana in Vietnam. Con gli accordi di Parigi nel gennaio del 1973, l’ultimo atto di una trattativa snervante durata cinque anni, e di una guerra durata decenni, veniva siglato il patto bilaterale per la Fine della guerra e il ritorno della pace in Vietnam.

Oggi Hanoi ricorda quel momento. L’Agence France Presse dalla capitale del Vietnam racconta di migliaia di persone accorse oggi al National Convention Centre per l’inizio delle celebrazioni ufficiali che proseguiranno fino a domenica prossima, in quella che sarà una “giornata della memoria” di una guerra che ha causato la morte di circa 3 milioni di vietnamiti.

Quella del gennaio del ’73 “è stata la più lunga e più difficile lotta diplomatica per il Vietnam”, ha ricordato il presidente Tuong Tan Sang di fronte ai delegati del Partito comunista del Vietnam. Ma, ha aggiunto, “ha rappresentato la vittoria diplomatica del Vietnam nella sua lotta contro gli Stati Uniti”.

Gli accordi hanno un valore storico fondamentale per il Partito comununista del Vietnam, che governa il Paese dal 1976. Furono infatti una “vittoria strategica che portò alla vittoria finale del 1975, liberò il Vietnam del Sud e riunificò il Paese,” ricorda Nguyen Thi Binh, tra i negoziatori dell’accordo con gli Usa. Dopo gli accordi ci vollero infatti altri due anni perché il Paese fosse riunificato dopo quasi un secolo di guerre.

A partire dal 1973, infatti, il supporto interno alla guerra americana nella penisola indocinese era ai minimi, e la pressione per un ritiro sull’allora presidente Nixon sempre più insistente. Tuttavia, gli accordi non ebbero efficacia tale da fermare totalmente gli scontri. Il ritiro delle truppe statunitensi infatti favorì l’avanzata a sud dei nordvietnamiti.

Gli Usa confermarono il ritiro delle truppe entro 60 giorni, ma presero segretamente un impegno con il regime di Saigon anti-comunista: riprendere i bombardamenti a tappeto sul Nord Vietnam in caso di un’offensiva di Hanoi contro il Sud.

Quell’offensiva arrivò, ma l’amministrazione Nixon, che fino a quel momento aveva sostenuto finanziariamente il regime di Thieu nel Vietnam del Sud, non potè farci nulla. Lo scoppio dello scandalo Watergate fece cadere Nixon e le sue promesse, e le truppe nordvietnamite riuscirono finalmente ad entrare a Saigon nell’aprile del 1975, un momento storico raccontato tra gli altri da Tiziano Terzani in Giai Phong! La liberazione di Saigon.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta