BlackfriarsI dolori calcistici di Berlusconi

Il calcio non porta molta fortuna a Berlusconi. Mediaset ha annunciato più di 200 milioni di euro di svalutazioni relative ai diritti televisivi. Sull'onda della passione sportiva di famiglia, la s...

Il calcio non porta molta fortuna a Berlusconi. Mediaset ha annunciato più di 200 milioni di euro di svalutazioni relative ai diritti televisivi. Sull’onda della passione sportiva di famiglia, la società ha strapagato per trasmettere le partite in Pay-TV. Se consideriamo le perdite (mezzo miliardo?) accumulate dal Milan nel corso degli anni, il calcio è stato probabilmente il peggior investimento di Berlusconi. Endemol, la casa di produzione del Grande Fratello comprata a leva con Goldman Sachs, era costata “solo” 400 milioni di svalutazioni.

Per Mediaset, il 2012 si è chiuso in perdita anche prima di svalutare i diritti televisivi. Il taglio dei costi è l’unica arma rimasta per contrastare il crollo del mercato pubblicitario in Italia e Spagna. E mi chiedo se, oltre alla congiuntura, non pesi anche il trasferimento della spesa pubblicitaria dai media tradizionali a internet – un trend che a lungo termine dev’essere molto più preoccupante.

Finiti i tempi in cui Berlusconi sbandierava 20.000 miliardi di patrimonio!

Twitter: @ItaloBritt

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta