#ildiscorsodelreLa Top 10 delle media company più ricche al mondo

Chi sale e chi scende. Secondo ZenithOptimedia. Che ogni 3 anni, dal 2007, elabora un report: “The Top Thirty Global Media Owners”.In questa speciale classifica, sale Google che conquista la vetta ...

Chi sale e chi scende. Secondo ZenithOptimedia. Che ogni 3 anni, dal 2007, elabora un report: “The Top Thirty Global Media Owners”.

In questa speciale classifica, sale Google che conquista la vetta con ricavi per circa 38 miliardi di dollari.

Piazza d’onore per la TV via cavo californiana, The Direct TV, che con oltre 36 milioni di abbonati conterebbe ricavi per poco più di 27 miliardi di dollari.

Sale sul podio anche News Corporation di Rupert Murdoch (26,4 miliardi di dollari), proprietaria a sua volta del 39,1% di BSkyB, il più grande operatore pay Tv del Regno Unito, che chiude la Top10 con un fatturato di oltre 10 miliardi di dollari.

Fuori dal podio Walt Disney (quarta, con quasi 20 miliardi di dollari) e Time Warner che scende dal primo posto del 2007 al sesto odierno con 15,6 miliardi.

E le italiane? Secondo l’indagine, Mediaset occuperebbe la ventiduesima posizione con 3,8 miliardi di dollari.

LA TOP 10
1) Google – $37.9 billion
2) The DirecTV Group – $27.2 billion
3) News Corporation – $26.4 billion
4) Walt Disney Company – $19.7 billion
5) Comcast – $16.2 billion
6) Time Warner – $15.6 billion
7) Bertelsmann – $11.3 billion
8) Cox Enterprises – $11.1 billion
9) CBS Corp. – $10.8 billion
10) BSkyB – $10.2 billion

22) Mediaset – $3,8 billion

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta