Congresso Pd, anche Rosario Crocetta è in campo

«Sono un compagno dall’ età di 15 anni. Lavoro per il partito e per la democrazia. Se la mia candidatura alla segreteria del Pd e non alla guida del Paese, nascesse in un’ottica di armonica unione ...

«Sono un compagno dall’ età di 15 anni. Lavoro per il partito e per la democrazia. Se la mia candidatura alla segreteria del Pd e non alla guida del Paese, nascesse in un’ottica di armonica unione e non divisione strumentale, lo farei con spirito di servizio». Rosario Crocetta, governatore della Regione Sicilia, rompe gli indugi, e fa sapere che potrebbe anche essere del match per la segreteria. Dalle colonne de L’Unità “Saro” spiazza lo stato maggiore di Largo del Nazareno, tutela e elogia il lavoro di Guglielmo Epifani («Epifani può guidare bene il partito durante la transizione»), e attacca senza mai nominarlo il primo cittadino di Firenze: «Qualcuno non riesce a tenere a freno l’ambizione e vuole tutto subito».

Insomma è un governatore che guarda al continente. Del resto nelle ultime settimane si è molto discusso sul futuro di Rosario Crocetta. In più di un’occasione l’ex sindaco di Gela non avrebbe nascosto le sue ambizioni: «Perché no? Non potrei andare a Roma». Ma uno candidatura come quella di Crocetta avrebbe un unico obiettivo: rosicare qualche punto percentuale al sindaco di Firenze in modo da non far raggiungere a Renzi il 50%. Semplice.

Twitter: @GiuseppeFalci

Le newsletter de Linkiesta

X

Un altro formidabile modo di approfondire l’attualità politica, economica, culturale italiana e internazionale.

Iscriviti alle newsletter