La notaGuardando di Luigi di Maio penso davvero a cosa manca in Italia : L’incazzatura

Faccio una piccola digressione guardando su LA7 Luigi di Maio a PizzaPulita su La7. A parte che evidentemente Giggino nella sua dimensione artistica e professionale non conosce cosa significa il te...

Faccio una piccola digressione guardando su LA7 Luigi di Maio a PizzaPulita su La7. A parte che evidentemente Giggino nella sua dimensione artistica e professionale non conosce cosa significa il termine Lobby o Lobbysm.I soggetti dell’attività di lobby sono pertanto il professionista, in rappresentanza degli interessi affidati alla sua cura, e l’esponente politico impegnato nella valutazione concorrente degli interessi. Oggetto dell’attività è la proposizione, la valutazione e la mediazione degli interessi in relazione con gli interessi generali perseguiti dall’impegno normativo della politica: molto semplice, in teoria, meno nella pratica sopratutto in Italia. Ma il qualunquismo mi fa pensare cosa davvero manca in questo momento all’Italia, qualcosa di veramente trasversale: L’Incazzatura. E non è una rabbia violenta fatta di pugni nel muso. Ma un’incazzatura di idee e di lavoro quella di geni come Mattei,Ferrari, Olivetti e tutti quelli che ci hanno reso i migliori al mondo.Si può dire al giorno d’oggi,iroso ,lussurioso o accidioso ad un proprio simile senza sfiorare il ridicolo?Gli si può dire superbo ,invidioso o goloso , che secondo la Chiesa occidentale,sono gli altri quattro peccati capitali ,ma è difficile trovare oggi nel vocabolario corrente scritto e parlato i primi tre vocaboli.Guardando sul vocabolario e sull’enciclopedia possiamo notare come i significati accademici di lussuria ,superbia e accidia siano abbastanza fuori tempo. Già come si fà a dire accidioso,lussurioso o iroso a un proprio simile? Meglio dire più semplicemente ignavo o vile ,maniaco sessuale e incazzato.In attesa di riordinare e tradurre nel linguaggio corrente i sette peccati capitali anch’io ,se non ritengo ,almeno spero,di essere un vile ,un ignavo,un goloso o un vendicativo devo ammettere di essere sempre incazzato.Guai se non lo fossi ,senza l’ira, o l’incazzatura continua ,non mi sembrerebbe nemmeno di esistere e non sarei nemmeno più capace di lavorare ,che visto i tempi ,le difficoltà e le controversie,sarebbe forse un bene per l’umanità.Siamo giusti a parte quasi tutti quelli che non si arrabbiano perchè gli va bene così ,a parte lo stipendio hanno raggiunto la pace dei sensi,cos’altro se non l’incazzatura tiene in vita e su di giri un uomo ,sia uno scrittore, un calciatore ,un giornalista, un amministratore delegato, un politico un regista.Anzi diciamo pure che se uno non è incazzato specie in alcuni mestieri è un coglione, e chiedo scusa del termine troppo crudo. Siccome gli imbecilli sono tanti basta accendere la televisione o guardare al bar sotto casa, e quasi tutti nei posti di potere , è evidente che la rinuncia ,l’assenteismo, il qualunquismo ,l’indifferenza ,insomma ,la mancanza di incazzatura ha provocato seri danni al tessuto connettivo del nostro Paese. C’è da aggiungere che se io mi arrabbio con altri ,nello stesso tempo per fortuna ,posso provocare anche io le incazzature altrui.E’ una catena insopprimibile.Allora è vero che questi peccati capitali sono benefici.

Entra nel club de Linkiesta

Il nostro giornale è gratuito e accessibile a tutti, ma per mantenere l’indipendenza abbiamo anche bisogno dell’aiuto dei lettori. Siamo sicuri che arriverà perché chi ci legge sa che un giornale d’opinione è un ingrediente necessario per una società adulta.

Se credi che Linkiesta e le altre testate che abbiamo lanciato, EuropeaGastronomika e la newsletter Corona Economy, siano uno strumento utile, questo è il momento di darci una mano. 

Entra nel Club degli amici de Linkiesta e grazie comunque.

Sostieni Linkiesta