Dominio corrispondente al nome del brand: alcuni aspetti a cui badare

Babele

La scelta del dominio, ovvero del nome con cui un sito web viene registrato in rete (ad esempio, “linkiesta.it”), ha davvero una grande importanza per le aziende.Quanto detto vale a prescindere d...

La scelta del dominio, ovvero del nome con cui un sito web viene registrato in rete (ad esempio, “linkiesta.it”), ha davvero una grande importanza per le aziende.

Quanto detto vale a prescindere da quale sia la natura del sito web, dunque sia che si tratti di un sito web aziendale, quindi il “biglietto da visita” con cui l’impresa si presenta ai navigatori, sia che si tratti di un e-commerce, quindi un sito all’interno del quale si concretizzano le vendite.

Il dominio corrispondente al brand: una scelta ottima

Nel mondo del Web Marketing ci sono davvero pochi dubbi sul fatto che, per l’azienda, sia preferibile registrare un dominio il cui nome corrisponda perfettamente al brand.

Questa strategia dona al visitatore, e soprattutto al potenziale cliente, un’immagine di professionalità e di affidabilità, senza trascurare il fatto che in questo modo diviene più facilmente reperibile dagli utenti che la ricercano in rete.

Il brand corrispondente al dominio è una garanzia, dunque, ma quest’aspetto ha alcune implicazioni di natura pratica. Vediamo quali.

Accertarsi subito della disponibilità del dominio

Anzitutto, nel momento in cui si sceglie di fondare un’azienda e le si assegna, dunque, un nome, bisognerebbe accertarsi subito che il dominio sia disponibile: il sito web ormai è un “pilastro” fondamentale per qualsiasi impresa, di conseguenza scegliere un brand e scoprire subito dopo che il relativo dominio non è disponibile sarebbe davvero una gaffe clamorosa.

In realtà una situazione del genere è più diffusa di quanto si possa credere: i domini registrati sono davvero un’infinità, di conseguenza dare per scontato che sia libero il dominio corrispondente al proprio brand, anche laddove si tratti di un nome che non si è mai sentito in precedenza, è un errore in cui non si deve incappare.

Evitare che si registrino domini identici, diversi solo per estensione

L’importanza di scegliere un dominio corrispondente al brand dell’azienda ha anche delle ulteriori implicazioni, ovvero quelle relative alla possibilità che dei competitor, o comunque delle persone scorrette desiderose di intralciare la Brand Reputation dell’attività in questione, registrino dei domini identici diversi solo per estensione.

Immaginando, dunque, che un’azienda acquisti regolarmente il suo dominio con un’estensione .it, nulla vieta ad altri privati o aziende di acquistare domini identici ma con domini differenti, come ad esempio .com, .net e via discorrendo.

La necessità di mirate azioni di Brand Protection

La semplice scelta di un dominio corrispondente al brand, dunque, non è sufficiente per curare la propria Reputation online, e diverse aziende devono tutelarsi effettuando delle vere e proprie azioni di Brand Protection.

Il concetto di Brand Protection, come ben sanno gli esperti di Web Marketing, è assai vasto, tuttavia per quel che riguarda l’acquisto di domini corrisponde appunto al fatto di assicurarsi tutti i domini corrispondenti al brand, a prescindere da quale sia la relativa estensione.

Quest’aspetto ha davvero una grandissima importanza, e in un modo ormai ipercompetitivo quale quello del web, un mondo in cui, purtroppo, non mancano i “colpi bassi”, tale esigenza è davvero importantissima.

Non è certamente per caso, d’altronde, se alcune aziende che offrono servizi di registrazione dominio web come TopHost offrono la possibilità di acquistare domini multipli proprio nell’ottica della Brand Protection.

Per le aziende di nuova costituzione, o comunque per quelle che stanno appena “sbarcando” nel web, questi aspetti sono davvero importantissimi e non devono essere trascurati, se si vuol ambire ad un ritorno di business importante o comunque se si pretende di operare in modo professionale, come sempre dovrebbe essere.