Il triste ritorno di Corona: chiama a raccolta i fedelissimi per l’ennesimo processo

Portineria Milano

Fabrizio Corona, l'ormai ex re dei Paparazzi, in carcere da più di un anno per una serie di reati che vanno dalla aggressione a pubblico ufficiale alla tentata estorsione fino al trattamento illeci...

Fabrizio Corona, l’ormai ex re dei Paparazzi, in carcere da più di un anno per una serie di reati che vanno dalla aggressione a pubblico ufficiale alla tentata estorsione fino al trattamento illecito di dati personali, non si dà per vinto. E per l’udienza di dibattimento di giovedì 12 giugno dove rischia di essere condannato per evasione fiscale sulla dichiarazione dei redditi 2007-2008 (chiesto 1 anno e 9 mesi ndr) ha chiamato a raccolta tutti i suoi sostenitori per ritornare sulla scena e rilanciare la sua nuova campagna di comunicazione, tra libri e magliette. L’ufficio di Corona ha inviato una mail privata a tutti i sostenitori spiegando che «a Fabri farebbe piacere vedere un po’ di fedelissimi, ci saranno dichiarazioni forti». In teoria l’udienza, fissata per le 9 al terzo piano della sezione penale, dovrebbe durare circa mezz’ora o poco più. Quindi non è chiaro cosa potrebbe dire Corona di così particolare. Più probabile che l’evento, neppure così reclamizzato sui giornali, possa essere l’occasione per pubblicizzare il nuovo libro «Mea Culpa» che è possibile leggere in rete o le nuove magliette «Detenuto 47». Ma ci andrà qualcuno? A quanto pare alla mail hanno risposto in pochi. Già condannato a 13 anni di carcere, ora per «Fabri» c’è il rischio che i tempi in carcere possano allungarsi.