17 Aprile Apr 2011 0903 17 aprile 2011

Tremonti e Padoa Schioppa uniti dai giovani italiani

Tremonti e Padoa Schioppa uniti dai giovani italiani

Tanguy Front

Una linea di continuità tra il governo Prodi e quello Berlusconi c’è. È il pensiero dei ministri dell’Economia sui giovani italiani. Dai bamboccioni di Padoa Schioppa, scomparso pochi mesi fa, ai fannulloni di Giulio Tremonti. Che ieri ha sintetizzato il suo pensiero parlando con i giornalisti al vertice del Fondo monetario di Washington. «Gli immigrati in Italia lavorano tutti», ha detto. «Quattro milioni di stranieri, anche giovani, che lavorano dalla mattina alla sera e pure la notte. A me, quindi, non pare che siamo un Paese con disoccupazione». Quando gli hanno ricordato le stime di Bankitalia, con il 30% dei giovani a spasso, lui ha risposto: «non fra gli immigrati. L’Italia offre occupazione a certe persone e a certe condizioni». E allora, che fare? Chiudere le frontiere ai migranti oppure i ragazzi italiani sono fannulloni? «Escludo la prima ipotesi» ha tagliato corto Tremonti.
Insomma, gli immigrati lavorano più dei nostri giovani, anche quelli lumbard, ovviamente. E il concetto vale nel centrodestra come nel centrosinistra. Il titolare di via XX Settembre, come il suo predecessore, dimentica di soffermarsi sul caro-affitti, sui servizi che le nostre banche non offrono a chi non ha un lavoro a tempo indeterminato, sulla penuria di sussidi, certo. Però, due ministri dell’Economia consecutivi se non fanno un reato, per dirla alla Agatha Christie, fanno quasi tendenza.
E poi, mentre altri si aggrovigliano nel loro mondo in bianco e nero, fatto di insegnanti comunisti e toghe eversive, Tremonti prosegue col suo passo. Sicuramente retorico, spesso demagogico, troppe volte elusivo. Ma questa, per chi non lo ricordasse, si chiama politica. 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook