19 Agosto Ago 2011 1135 19 agosto 2011

Miracoli fiscali: ora anche Vasco vuole pagare le tasse

Miracoli fiscali: ora anche Vasco vuole pagare le tasse

Default

Il signor Vasco Rossi, il primo contribuente di Bologna, apre il suo cuore (e il suo portafoglio) al fisco. «Sono ricco e pago volentieri più tasse. Per una ragione di equità e solidarietà». E si aggiunge anche lui all’armata degli eroi del fisco con la bella compagnia di Luca Cordero di Montezemolo. «Ho visto, per caso, una sua dichiarazione, e sono d’accordo con lui», aggiunge. Stupendo. Peccato che, nel 2010, anche l’Agenzia delle Entrate abbia visto, sempre per caso, la sua dichiarazione, ma dei redditi. Fammi vedere. Avranno detto. E così s’è scoperto che qualcosa non quadrava. Ad esempio, la società di charter “Giamaica no Problem”, sua al 90%, cui era intestato anche il suo yacht. Ma cosa vuoi che sia? Avrà pensato il Blasco. Tutta colpa del solito Alfredo? No. Il problema, anzi, il problem, è che si tratta di una società di charter con un solo cliente, che coincide con l’azionista. Si chiamano società di comodo. Aiutano a pagare meno imposte sullo yacht, e sfuggono con più facilità ai controlli fiscali. Insomma, dati alla mano, sembra che le tasse Vasco non le voglia pagare poi così volentieri. E il lifting da contribuente virtuoso à la Montezemolo o (e qui esageriamo) alla Warren Buffett, ci lascia un po’senza parole. Ma va bene così: noi non siamo mica gli americani, è passato tanto tempo, e il Blasco avrà fatto rewind. Basta con la vita che se ne frega. Ma il Komandante che diventa paladino del contribuente è troppo. Come disse un suo collega (ma perché cantante, non perché evasore), stavolta no, Vasco, no. Io non ci casco.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook