10 Novembre Nov 2011 2300 10 novembre 2011

Titoli di Stato, quanto rischiano le banche italiane

Titoli di Stato, quanto rischiano le banche italiane

Titoli%20Di%20Stato%20Cover

Nella pancia delle principali banche del Paese ci sono 160 miliardi di euro di titoli di Stato italiani. Nello specifico Intesa Sanpaolo ne ha sottoscritti 57,6 miliardi, UniCredit 47,4, Monte dei Paschi 32, Banco Popolare 11,5 e Ubi Banca 10,1 miliardi. A causa di questi titoli di Stato, gli istituti italiani – che spesso, nel caso di Ca de’ Sass e Piazza Cordusio fanno da collocatori per le emissioni del Tesoro – hanno mediamente perso la metà del loro valore in Piazza Affari. La loro attuale capitalizzazione, presa complessivamente, è inferiore ai 40 miliardi di euro, cioè la metà di quella del colosso della telefonia Vodafone. 

Proprio per la rischiosità del debito italiano le stanze di compensazione (clearing houses) Lch, tra i leader in Europa, e l’italiana Cassa di compensazione e garanzia (Ccg) hanno alzato i margini richiesti per lo scambio di obbligazioni italiani. Significa che chi vuole scambiare titoli di debito deve depositare a garanzia il 3,5% in più sulle brevi scadenze e il 5% in più sul decennale. Significa che, ad esempio, per un Bot annuale il margine è passato da 2,45 al 6,45% mentre sul Btp decennale da 6,65% a 11,5 per cento. Alzare i margini significa rendere più costosa la raccolta della liquidità sul mercato per gli istituti di credito, che si ritrovano a dover chiedere alla clientela, famiglie e imprese, tassi maggiori su fidi e prestiti. 

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook