26 Gennaio Gen 2012 1045 26 gennaio 2012

Contro la miopia dei mercati Monti ha bisogno di aiuto

Contro la miopia dei mercati Monti ha bisogno di aiuto

Mario Monti Spread

In questi giorni si discute molto della presa posizione del Fondo Monetario, che chiede un “muro in difesa” dell’euro area. Chiede maggiori conferimenti al fondo “salva stati” e il coinvolgimento della Banca Centrale Europea nel salvataggio della Grecia, con questo intendendo che deve accettare di veder ridotto il valore delle obbligazioni greche che ha in portafoglio. Perché tanta agitazione, sanno delle cose (negative) che non sappiamo? Non proprio, ma hanno sviluppato un’analisi che è originale e preoccupante, e che, in breve, esponiamo.

Carlo Cottarelli, direttore del dipartimento fiscale del Fondo Monetario, ha presentato a Londra alla fine di dicembre quest’analisi, cui sono allegati dei lucidi. Si prendono i deficit, i debiti e gli spread dei maggiori paesi. I deficit sono sull’asse verticale, i debiti su quella orizzontale, e gli spread sono misurati da un cerchio, che è tanto maggiore, tanto maggiore è lo spread (la differenza di rendimento dei titoli decennali da quelli del paese virtuoso). Tutti gli spread sono calcolati per differenza con la Germania (il paese virtuoso, appunto).

Defici e debito (fonte Fmi)

Si vede che esiste una linea ideale (la retta rossa) che divide i paesi mal messi (come deficit e debito) da quelli ben messi. Gli spread sono spiegabili (i paesi mal messi hanno degli spread elevati abbastanza in proporzione alla loro combinazione di deficit e debito), tranne che per gli Stati Uniti e per il Giappone. Si potrebbe pensare che gli Stati Uniti e il Giappone abbiano delle prospettive migliori. Questo non è vero, come mostrato nei lucidi successivi. La spesa pensionistica e sanitaria degli Stati Uniti, per esempio, è lungo un percorso esplosivo. Il paese messo meglio in questo campo è l’Italia, se si esclude l’Estonia.

Variazione della spesa pensionistica e sanitaria dal 2010 al 2050 (fonte Fmi)

Dunque qual è la spiegazione dell’anomalia nel campo degli spread? Tutto torna abbastanza bene nell’analisi degli spread (ossia, tutto si dispone secondo i numeri fondamentali di deficit, debito, crescita), salvo la posizione degli Stati Uniti e del Giappone, che dovrebbero avere degli spread alti, e, invece, li hanno nulli. La presenza o meno di operatori non residenti sembra la spiegazione. Tanto maggiore la quota di operatori residenti, tanto minore lo spread. Gli Stati Uniti e il Giappone controllano abbastanza bene il proprio debito pubblico, e dunque, anche se hanno dei fondamentali “brutti”, hanno degli spread “belli”. Abbiamo così due mercati isolati (o segmentati), che sono fuori dalle regole che valgono per tutti gli altri.

Detentori privati e stranieri del debito a confronto con lo spread

Uno potrebbe chiedersi se gli spread per i paesi che hanno regole comuni sono “giusti”. Avevamo visto che grosso modo gli spread erano in linea con la disposizione dei deficit, dei debiti, e della crescita. Gli spread fra i rendimenti decennali e i Credit Default Swap (Cds = i contratti che assicurano contro l’insolvenza) non mostrano delle valutazioni dissimili. Sono studiati i secondi, probabilmente perché più volatili e quindi più sensibili.

Fattori determinanti sul valore dello spread (fonte Fmi)

In breve, si vede che le variazioni dei Cds sono molto legate ai giudizi sugli andamenti correnti e non su quelli futuri. Il deficit, il debito, e la crescita dell’oggi hanno più influenza di quanto ne abbia il deficit, il debito, e la crescita futura (e, nel caso dell’Italia, la solida posizione sulle pensioni e la sanità). Perciò i mercati finanziari sono tacciabili di “miopia” e non di “lungimiranza”.

Qui finisce l’analisi di Cottarelli. Si capisce allora la preoccupazione del Fondo Monetario. I mercati finanziari possono mettere a repentaglio il risanamento dell’area dell’euro, perché osservano troppo l’oggi – l’Europa dell’euro dovrebbe finire in recessione – e molto poco il domani. Da qui l’invocazione di un muro a difesa dei debiti pubblici europei. Oppure anche, l’affermazione del direttore del Fondo Monetario che «Monti non può fare tutto da solo». 

*Direttore di Lettera economica del Centro Einaudi

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook