10 Agosto Ago 2012 1111 10 agosto 2012

Alitalia-Windjet, una fusione nel disprezzo dei passeggeri

Alitalia-Windjet, una fusione nel disprezzo dei passeggeri

Winjet

(articolo originariamente pubblicato nel blog “Rotta verso il mercato" di Marco Giovanniello)

La vicenda dell' acquisto di WindJet da parte di Alitalia, che pare andrà definitivamente in porto nelle prossime ore, mostra scandalosamente la distanza abissale che c' è nel nostro Paese dal concetto che "Customer is King", che il cliente è re.

Voli cancellati, ritardi enormi sono quello che troppi passeggeri hanno dovuto sopportare e che non sarebbe dovuto succedere, perché se si fossero osservate le apposite norme, WindJet da molto tempo non avrebbe più potuto vendere biglietti di voli che non aveva i soldi per operare.

WindJet era in condizioni finanziarie disperate da molto prima che, in gennaio, Alitalia dichiarasse che voleva comprarla. Ci sono voluti mesi per firmare un accordo, altri mesi per ottenere il pur tecnicamente ottimo parere dell' Antitrust che, come in un Paese civile quale non sempre siamo, ha evitato che si creasse un monopolio nelle rotte fra gli aeroporti siciliani e quelli di Roma Fiumicino e Milano Linate.

Nel frattempo WindJet continuava a volare e più volava, più perdeva, sopravvivendo sul credito forzoso sempre crescente dei riluttanti fornitori, costretti a fornire beni e servizi senza essere pagati, sperando che poi Alitalia avrebbe saldato il conto.

Le norme prevedono che l' Autorità, nel nostro caso Enac, sorvegli per impedire che una linea aerea venda biglietti oggi se ha le casse vuote e non dunque non dà garanzie di poter effettuare il volo domani, proprio perché non accadano le scene di passeggeri e turisti accampati in aeroporto o preoccupati per la possibilità di ritornare a casa dopo le vacanze, dopo aver regolarmente pagato il biglietto.

Diciamolo chiaro, Enac se n' è assolutamente fregato, facendosi sponsor del salvataggio a tutti i costi di WindJet, certo con la nobile intenzione di salvare centinaia di posti di lavoro, ma anche con quella più nascosta di non far cadere nelle mani dei più solidi vettori stranieri un' altra fetta del nostro mercato interno. Alitalia, delusa dal non poter conquistare il quasi monopolio che sognava all' inizio, quando anche Blue Panorama doveva entrare nel carrello della spesa, pure ha giocato una cinica partita a poker sulla pelle dei passeggeri di WindJet che, ricordiamo, continuava a vendere biglietti e volare per desiderio di Alitalia. Alla fine ha ottenuto le garanzie che voleva dal venditore, che si è piegato perché la messa a terra dei suoi aerei che si profilava, nel periodo più critico dell' anno, in cui nessun aereo libero avrebbe potuto riportare a casa i passeggeri, sarebbe stato uno scandalo gigantesco che avrebbe procurato guai anche agli altri suoi business nel commercio e negli alberghi.

Una linea aerea fallita passa nelle mani di Alitalia, che ha disperato bisogno di crescere al posto delle linee aeree low cost easyJet e Ryanair. Centinaia di posti di lavoro in Sicilia vengono conservati, anche se Alitalia è sul punto di mettere alla porta centinaia dei suoi lavoratori e probabilmente avrebbe potuto approfittare di una chiusura di WindJet. La concorrenza viene abbastanza salvaguardata dalla cessione dei preziosi slot a Fiumicino e a Linate, uno dei quali non esiste e rappresenta un' abusiva dote donata a suo tempo del Presidente di ENAC, il siciliano Vito Riggio.

Tutto bene dunque? Niente affatto, quando si fanno queste "operazioni di sistema" per impedire che il mercato faccia il suo corso e favorire i propri protetti, almeno si deve avere la decenza di non usare i disagi dei passeggeri come arma di ricatto, di non giocare cinicamente sulla loro pelle. Il peggio è stato probabilmente evitato, non ci saranno migliaia di persone costrette a tornare al nord con mezzi di fortuna dopo le vacanze, ma chi ha passsato giornate nell' afa degli aeroporti, senza sapere se e quando sarebbe partito, dopo aver pagato il proprio biglietto con denaro sonante a una linea aerea a cui si sarebbe dovuto vietare di venderlo, ringrazi ENAC, che prima che dei passeggeri si è preoccupato dei giochi di potere e ringrazi anche Alitalia, dove il nuovo AD Ragnetti impartisce a giorni alterni lezioni di marketing, branding, customer care eccetera, ma ha finto di non sapere che i passeggeri di WindJet abbandonati in aeroporto avevano in mano biglietti che erano stati emessi solo con la garanzia implicita e direi morale di Alialia.

Ceterum censeo Linate esse delendam

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook