23 Agosto Ago 2012 1030 23 agosto 2012

Recupero dell’evasione? Monti batte Tremonti di 8 milioni al giorno

Recupero dell’evasione? Monti batte Tremonti di 8 milioni al giorno

Montitremonti

«L’Italia è in uno stato di guerra» contro l’evasione fiscale, ha detto Mario Monti nell’intervista a Tempi che ha preceduto il suo intervento all’inaugurazione del Meeting di Rimini. Non è la prima volta che Monti parla dell’annosa questione con toni durissimi. Toni che riprendono quelli utilizzati esattamente un anno prima da Giorgio Napolitano, dal medesimo palcoscenico: «Basta con assuefazioni e debolezze nella lotta a quell’evasione fiscale di cui l’Italia ha ancora il triste primato nonostante apprezzabili ma troppo graduali e parziali risultati», aveva detto il Presidente della Repubblica.

Allora al dicastero di via XX Settembre c’era Giulio Tremonti. Sempre nell’agosto del 2011, sempre a Rimini, il numero uno dell’Agenzia delle entrate, Attilio Befera, snocciolava i dati: «Dall’inizio dell’anno ad oggi, abbiamo incassato 6 miliardi di euro come recupero dall’evasione fiscale e contiamo di arrivare a 11 miliardi a fine anno» . Lo scorso 9 agosto, Befera dichiarava a Le Nouvel Observateur di aver già recuperato 7 miliardi di euro. In teoria, dunque, il record del 2011, a quota 12,7 miliardi, potrebbe essere battuto. Una buona notizia, sebbene per l’Agenzia delle entrate la misura dell’evasione sia pari a 120 miliardi di euro l’anno. Certo è che, come ha spiegato Befera a Che tempo che fa lo scorso marzo, «ora vi sono più controlli e strumenti più forti che il governo Monti ci ha dato». Il più forte dei quali è l’obbligo, imposto dal Salva-Italia, per banche e intermediari finanziari, di comunicare all’Anagrafe tributaria i movimenti effettuati sui «rapporti» dai loro clienti, che tuttavia partirà il mese prossimo. 

Un confronto in termini assoluti tra quanti miliardi di euro sono rientrati nelle casse dell’Erario grazie a Tremonti – il cui studio professionale ha aiutato Bpm, Intesa e Unicredit in complicate operazioni fiscali oggetto di procedure giudiziarie che ne hanno messo in dubbio la regolarità– e quanti grazie a Monti, al netto dei condoni del precedente ministro, è praticamente impossibile. È possibile invece parametrare le somme recuperate per ogni giorno in cui il ministro dell’Economia è rimasto in carica. Il calcolo è presto fatto: l’anno scorso gli 007 del fisco sono riusciti a far emergere, fino al 16 novembre 2011, data in cui si è insediato l’esecutivo dei tecnici, 34,3 milioni di euro al giorno. Se, come dice Befera, nei primi sei mesi dell’anno sono già stati recuperati 7 miliardi, significa che da inizio 2012 l’Agenzia delle entrate ne ha ripresi 29,8 milioni. È dunque in vantaggio Tremonti, pur partendo da una cifra inferiore, i 6 miliardi di euro di cui parlava Befera nel 2011 rispetto ai 7 di inizio agosto. Qui bisogna però tenere conto del fatto che, come dicono dall’ente di via Cristoforo Colombo, le cifre ufficiali, tradizionalmente presentate all’inizio di febbraio, possono essere limate al rialzo. È successo ad esempio nel 2010, quando i 10,5 miliardi sono saliti a 11.

L’8 maggio 2008 il professore di Sondrio ha giurato da ministro dell’Economia nell’esecutivo guidato da Berlusconi. Quell’anno i proventi da accertamenti si sono attestati a 6,9 miliardi di euro. Cifra salita a 9,1 miliardi nel 2009 e, come detto, 11 miliardi nel 2010. Nei 1.279 giorni in cui è rimasto in carica Tremonti, il Fisco ha recuperato 21,1 milioni di euro al giorno. Considerando dunque la media tutti e tre gli anni in cui Tremonti ha ricoperto la carica di titolare dell’Economia per la seconda volta, è di nuovo Monti a passare in vantaggio. Sperando che l’ex eurocommissario sia in grado di staccare ancora il predecessore per eliminare uno dei malcostumi più dannosi, anche in termini di immagine, del Paese.

Potrebbe interessarti anche
 Iscriviti alla newsletter

Vuoi essere sempre aggiornato? Iscriviti alla newsletter de Linkiesta.it .

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

 Seguici su Facebook